Linux su desktop Hp: Microsoft si dichiara indifferente

Aziende

Microsoft ha dichiarato la propria indifferenza alla decisione di Hp di rendere disponibile il sistema operativo Linux sui propri desktop e notebook destinati al segmento business. Forse è un po’ difficile credere che la cosa non abbia minimamente turbato i vertici di Microsoft, ma questi ritengono che comunque la scelta dei propri sistemi operativi sui

Microsoft ha dichiarato la propria indifferenza alla decisione di Hp di rendere disponibile il sistema operativo Linux sui propri desktop e notebook destinati al segmento business. Forse è un po’ difficile credere che la cosa non abbia minimamente turbato i vertici di Microsoft, ma questi ritengono che comunque la scelta dei propri sistemi operativi sui prodotti Hp rimarrà prioritaria rispetto a Linux. “Linux oggi non offre una soluzione che incontri realmente le esigenze dei clienti, non è integrata e pone problemi in termini di sicurezza”, ha dichiarato Nicholas McGrath, a capo della Platform Strategy di Microsoft UK. Hp sostiene che, offrendo alle aziende la scelta di Linux dal desktop al datacenter, aumenta la loro possibilità di scelta applicativa, ma Microsoft sostiene che questo non rappresenta una minaccia per loro: “Il concetto che Linux può rispondere alle esigenze di tutte le tipologie di business per aziende di ogni dimensione è chiaramente sbagliato: il 70 per cento del mercato dei server utilizza sistemi Microsoft”, ha continuato McGrath. Hp ha comunque precisato che questa operazione riguarda solo desktop e notebook destinati al segmento business dove verranno implementate entrambe le versioni Linux di Novell: inizialmente SuSe, seguita da Ximian.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore