L’iPad entra nel paniere dell’Istat

Autorità e normativeAziendeDispositivi mobiliMarketingMercati e FinanzaMobility

A scandire il tempo che passa sono anche le evoluzioni tecnologiche. Nel paniere dell’Istat fanno il loro ingresso l’iPad e i media tablet, ma esce il noleggio Dvd. Com’è cambiato lo scenario hi-tech visto dal paniere dell’inflazione

I tempi cambiano e a scandire il tempo che passa sono anche le evoluzioni hi-tech. Nel paniere dell’Istat entra l’iPad, il media tablet che erode quote ai netbook, ma esce il noleggio dvd. Oggi infatti vanno di moda il media streaming, l’on demand e i servizi cloud (fra le nuvole). Il fallimento di Blockbuster deve aver segnato la sorte dei Dvd, nelll’era dei download (in stile iTunes) e dello streaming video. Anche Amazon avrebbe in cantiere un servizio di streaming per competere direttamente con Netflix.

Il paniere dell’Istat serve per calcolare l’inflazione. L’Istituto di statistica rende noto che nel 2011 entrano, fa sapere che entano i dirompenti tablet pc (di ci per ora il più noto è Apple iPad,m seguito da Samsung Galaxy Tab, ma è in arrivo un’ondata di tablet Android 3.0 Honeycomb in occasione di Mwc a Barcellona). Entrano nel paniere anche i servizi di trasporto extraurbano multimodale integrato (ovvero i biglietti che consentono l’utilizzo di più mezzi di trasporto), mentre esce il noleggio di dvd.

In questi anni il paniere dell’Istat ha cercato di stare al passo con i cambiamenti tecnologici. Nel 2010 sono usciti i fiammiferi, e sono entrati smartphone e iPhone, voli low-cost e badanti. Nel 2009 il paniere dell’Istat si è aggiornato con chiavette Usb e Dvd. Gps e giochi per console nel 2008 hanno spodestato l’hamburger surgelato e la treccia di fili per cucire.

A livello territoriale sono 85 i comuni capoluogo di provincia che concorrono al calcolo degli indici contro gli 83 del 2010 (è tornata anche L’Aquila).
Infine la copertura è totale nel Nord-Est, pari al 93,6% nel Nord-Ovest, all’83,2% nel Centro, al 77,0% nel Sud, per arrivare al 74,4% nelle regioni insulari. Da gennaio 2011 l’Istat spiega che gli indici dei prezzi al consumo vengono calcolati con un nuovo e più articolato schema di classificazione della spesa per consumi: è stata recepita la proposta di revisione della classificazione Coicop definita a livello europeo.

Apple iPad 2 avvistato alla presentazione del Daily
Apple iPad 2 avvistato alla presentazione del Daily
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore