L’iPhone crackato in tre giorni

Mobility

Inoltre l’iPod cellulare costa 265 dollari per costruirlo

L’IPHONE DI Apple è stato crackato appena tre giorni dopo la sua uscita sul mercato, grazie all’azione di hacker che sono riusciti a forzare il firmware e scoprire la master root password. Secondo Builder AU, la password è stata trovata nella funzione ufficiale di restore dell’immagine dell’iPhone. L’archivio conteneva due dischi immagine .dmg: un’immagine del sistema criptata con password e un’altra dell’utente non criptata. Scavando all’interno dell’immagine non criptata è stato scoperto che tutti gli iPhone vengono forniti con password predefinite per gli account “mobile” e ” root”. Root permette di accedere ai privilegi di amministratore sui sistemi basati su Unix. Le due password sono state abbastanza facili da trovare: erano di sole sei lettere minuscole. Altre informazioni le trovate qui .

L’AZIENDA ISUPPLI che si occupa di ricerche di mercato ha fatto a pezzi un Iphone da 8GB per valutare il costo totale dei materiali e della fabbricazione. L’analisi ha portato a ritenere che il costo totale ammonta a $ 265,83, lasciando un margine del 55%. Il prodotto infatti si vende a $ 599, ma il conteggio di Isuppli non comprende royality e logistica. I componenti comprendono il sistema di trasmissione di Infineon, il ricetrasmettitore RF e i componenti di gestione dell’energia. L’interfaccia seriale del display di Nat Semi costa $ 1,5 mentre il modulo del display ne costa 27 ed è prodotto dalla società tedesca Balda insieme all’azienda cinese TPK Holding. Il sistema touchscreen usa componenti di Epson, Sharp e Toshiba per un totale di $ 24,50. Samsung ne chiede 76,25 per il suo processore RISC ARM e la memoria NAND flash e Dram, e costituisce il 30,5% dell’intero costo di produzione. Secondo Isuppli la macchina dei sogni di Jobs venderà 4,5 milioni di esemplari quest’anno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore