L’Italia non è maglia nera per le tariffe mobili, ma la giungla tariffaria non aiuta

NetworkProvider e servizi Internet

Il caro-cellulare è un vecchio stereotipo: smentite le denunce di Mister Prezzi. Gli italiani possono risparmiare, scegliendo fra vari profili tariffari. Wind e 3 sono gli operatori più convenienti

Uno studio sfata il clichè del salasso-cellulare: ritornato alla ribalta con l’iPhone, in realtà la spesa per telefonia mobile in Italia non è superiore alla media europea. La ricerca di SosTariffe.it smentisce le recenti denunce di Mister Prezzi e dell’Authority Finlandese Ficora.

Nello studio i consumi vengono suddivisi in 3 diverse tipologie: la fascia “moderata” con una media ponderata italiana in linea con l’Europa: 24,98 euro; la fascia “media”, in cui il prezzo ammonta a 51,38 euro, “ben al di sotto del prezzo medio calcolato da Ficora” (62,83 euro) e in fine la fascia “intensa” degli heavy user con spesa media si attesta sui 103,62 euro, ben lontana da quei 201,68 euro denunciati da Ficora (la media europea e’ di 106,71 euro). Su tutte le fasce, l’operatore piu’ economico e’ Wind, seguito da 3.

Il vero nodo rimane il Far-West tariffario, che rende difficile scegliere l’offerta piu’ conveniente e su misura delle proprie esigenze. “La maggior parte dei consumatori”, scrive lo studio, “spende oltre il necessario, soprattutto per pigrizia e per mancanza di sufficienti informazioni“.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore