AziendeMarketing

L’italiana Luxottica diventa partner dei Google Glass

Luxottica diventa partner dei Google Glass
0 1 2Commenti

L’italiana Luxottica, proprietaria dei marchi di occhiali Ray-Ban e Oakley, aiuterà i Google Glass a diventare mainstream

L’italiana Luxottica, proprietaria dei marchi di occhiali Ray-Ban e Oakley, sigla un accordo con Google per aiutare i Google Glass a diventare mainstream. Il più grande gruppo di occhiali al mondo, darà un aiuto nel design, sviluppo e distribuzione dei Google Glass, gli occhiali hi-tech, con display laterale, fotocamera ed audio per i comandi vocali. Pronunciando l’espressione “Ok Glass”, si ordina agli smart glass l’invio di email, la registrazione di un video, la ricerca di informazione sul Web, il tutto tramite connessione wireless con lo smartphone dell’utente.

Google, che sta cercando nuovi modi per usare i propri servizi su Mobile, è impegnata nel mostrare le potenzialità degli smart Glass a conquistare un’ampia fetta di audience. Astro Teller, a capo di Google X, i laboratori dove i Google Glass sono stati ideati, è molto “eccitato dall’alleanza con Luxottica, un’azienda con 50 anni di storia nell’ottica”. La collaborazione coi Google Glass includerà i brand Ray-Ban ed Oakley; altro partner di Google è Vision Service Plan Inc. per montare lenti graduate sugli occhiali hi-tech. Andrea Guerra, a capo di Luxottica, ha commentato: “Viviamo in un mondo dove l’innovazione tecnologica ha drammaticamente cambiato il nostro modo di comunicare ed interagire”.

I Google Glass sono uno dei dispositivi di punta della Wearable technology, la tecnologia da indossare. Le applicazioni per Google Glass sono in crescita: GS1 ha sviluppato un nuovo processo per la scansione dei codici barre, a portata degli occhialini con videocamera; Virgin Atlantic utilizzerà gli smart glass per migliorare il servizio di accoglienza a bordo degli aerei; Rokivo e Vidiemme hanno svelato l’applicazione GoogleGlass4Lis, già testata nel Museo Egizio di Torino per offrire una guida virtuale ai non udenti nel Linguaggio dei Segni; inoltre gli Smart glass sono sbarcati in sala operatoria, diventando un assistente personale e un efficace aiuto per i chirurghi. Altre apps interessanti sono: AllTheCooks, una guida passo a passo per insegnare a cucinare; Strava’s è dedicato ao ciclisti; il gioco di parole Spellista; e GolfSight, per rivelare le distanze aiutando i neòfiti a giocare a golf; Word Lens, dedicata alla traduzione in real time: è sufficiente guardare le parole stampate per sostituirle con la traduzione nella lingua richiesta. Se siete all’estero ed inquadrate un cartello stradale in una lingua che non conoscete, gli occhiali hi-tech vi forniranno la traduzione immediata, dopo averli solo guardati.

Luxottica diventa partner dei Google Glass
Luxottica diventa partner dei Google Glass

Nei giorni scorsi Google ha presentato Android Wear, il sistema operativo per smartwatch.

L’italiana Luxottica produce su licenza anche per brand del calibro di Bulgari, Burberry, Chanel, Dolce&Gabbana, Emporio Armani, Prada, Ralph Lauren, Tiffany & Co. e Versace. Il titolo di Luxottica ha guadagnato il 3,41% raggiungendo 40,29 euro, all’annuncio dell’accordo con Google. Il gruppo detiene il 12,4% delle quote del mercato, inoltre controlla oltre 5.000 negozi retail oltreoceano attraverso LensCrafters e Sunglass Hut.

Attualmente meno dell’1% delle imprese USA ha implementato gli smart glass, sebbene Gartner preveda un incremento fino al 10% nel prossimo quinquennio. Juniper Research prevede oltre 10 milioni di Google Glass venduti entro il 2018. I Google Glass sono destinati a migliorare la produttività, perché avere i dati sempre a disposizione significa offrire più efficienza e prendere decisioni più rapide ed efficaci: “Nell’arco di 3-5 anni, l’industria farà esperienza dei benefici provenienti dagli smartglass nel campo dei servizi aumentando i profitti di un miliardo di dollari all’anno. Nel campo field servizi, i grandi risparmi proverranno dalla diagnostica e dal risolvere i problemi più velocemente e senza la necessità di far arrivare esperti aggiuntivi da località remote” ha commentato la società di analisi Gartner. Juniper Research prevede oltre 10 milioni di Google Glass venduti entro il 2018.

Scopri come scegliere il  giusto cloud provider (ip)

Che cosa sono gli Smart Glass? Mettetevi alla prova con un Quiz!

Google Glass

Image 1 of 5

Google Glass

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici