L’NSA spia le apps di giochi come Angry Birds

CyberwarMarketingSicurezzaSoluzioni per la sicurezza
NSA spia Angry Birds e Google Maps
1 0 1 commento

NSA spiava anche gli utewnti che giocano ad Angry Birds e navigano su Google Maps. Intanto EFF chiama a raccolta la comunità internazionale contro la cyber sorveglianza di massa

Se credevate che Angry Birds fosse un passatempo innocente, forse non conoscete NSA. Delle nuove diapositive rivelate da Edward Snowden, su NSA e sulla sua gemella inglese, la GCHQ (Government Communications Headquarters), emerge che le famigerate agenzie di spionaggio acquisiscono dati sugli utenti anche da apps per smartphone come Angry Birds o Google Maps. Le pplicazioni che permettono intrusioni esterne, vengono spiate dall’NSA. Ci spiano quando giochiamo ad Angry Birds, navighiano sulle mappe di Google o carichiamo foto su Facebook. Lo riportano New York Times, The Guardian e ProPublica.

Attraverso una serie di trucchetti, l’NSA e GCHQ sono in grado di risalire a tutti i dati contenuti in uno smarthpone: dai codici di identificazione alle liste degli amici fino all’orientamento sessuale. Possono anche entrare nella cronologia della vostra app di Google Maps e scoprire non solo dove siete stati, ma anche dove state programmando di andare: da un documento del 2008, si legge che lo sforzo di raccolta dati “di fatto significa che chiunque usi Google Maps sul suo telefono sta lavorando in supporto del sistema GHCQ”. L’NSA, però, dichiara di avere usato queste tecniche solo su obiettivi di intelligence internazionale, ma rimane il problema aperto che se lo fa NSA, lo può fare qualunque cyber-criminale.

The Day We Fight Back si svolgerà l’11 febbraio: EFF chiama a raccolta la comunità internazionale contro la cyber sorveglianza di massa.

 

NSA spia Angry Birds e Google Maps
NSA spia Angry Birds e Google Maps
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore