Lo Hobbit

Management

In una grotta viveva uno Hobbit…

Tra le avventure create dalla fervida immaginazione di Tolkien, la storia de “Lo Hobbit”, vale a dire l’avventura di Bilbo Baggins e dei nani comandati dal prode Thorin, finisce spesso per essere dimenticata. Considerato a torto come un’opera “minore” dedicata a un pubblico infantile, “Lo Hobbit” è in realtà un libro avvincente e affascinante, che fornisce un interessante visione alternativa sulla Terra di Mezzo. Il videogioco non si distacca dai cliché abitualmente legati all’opera, e si rivolge prevalentemente ai giocatori più giovani. A confermarlo sono diversi particolari: la semplicità del sistema di controllo, il livello di sfida relativamente basso, l’aspetto grafico fiabesco e suggestivo, e la linearità nell’azione di gioco. Dal punto di vista tecnico la produzione è assolutamente ineccepibile. Pur non brillando dal punto di vista visivo, il motore grafico svolge le sue funzioni in maniera più che adeguata, ricreando alla perfezione l’atmosfera del libro. I personaggi sono lievemente deformati, e ricordano da vicino quelli tipici dei giochi di ruolo “alla giapponese”. Il mondo che li circonda, invece, è una vera e propria festa di luci e colori, nel pieno rispetto delle “regole auree” di ogni reame incantato degno di nota. La qualità audio è addirittura superiore: musiche evocative, scelte in maniera intelligente, vi accompagnano nel corso dell’avventura aiutandovi a calarvi nel vostro “alter ego” fantastico. Stesso discorso per gli effetti campionati e le voci che, pur attestandosi su livelli lievemente inferiori, restano comunque ottimi. Nel complesso il titolo pecca solo dal punto di vista della giocabilità. Gli scenari e l’avventura, infatti, sono a dir poco deliziosi, e faranno senza dubbio la gioia dei giocatori di ogni età. Ciò nonostante l’eccessiva linearità e lo scarso livello di sfida finiranno per annoiare gli appassionati più adulti, o i meno fanatici… Lo Hobbit, in ogni caso, resta consigliato agli eterni innamorati di Tolkien, e a tutti coloro che non disdegnano un gioco d’azione semplice da giocare e bello da vedere.o

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore