Lo shopping online natalizio dei dipendenti? Sì, ma senza rischi per le aziende

CyberwarSicurezza

Blue Coat lancia l’allarme: due terzi di tutti i malware Web cresciuti senza sosta nel 2009. Nel 2009 si è registrato un incremento del 585% degli attacchi di tipo phishing, contro 300 marchi molto noti

In questa stagione è previsto che le vendite on line tocchino i 44,7 miliardi di dollari. Mentre la stagione dello shopping natalizio è in pieno fermento, la maggior parte degli internauti dovrebbe essere messa in guardia dai pericoli dello shopping on line, un’attività presa costantemente di mira dai cybercriminali, pronti a rubare informazioni confidenziali personali e finanziarie di ignari acquirenti. A lanciare l’allarme è Blue Coat.

Due terzi di tutti i malware Web sono noti dal 2008, ma cresciuti senza sosta nel 2009. Nel 2009 si è registrato un incremento del 585% degli attacchi di tipo phishing, contro 300 marchi molto noti.

Cosa succede quando i dipendenti attirano malware di ogni genere che si introducono nella rete aziendale? Gli antivirus per desktop che vengono aggiornati quotidianamente e i firewall dotati di ispezione dei pacchetti offrono protezione contro alcuni tipi di minacce di rete, ma non quella protezione completa necessaria alla difesa da attacchi Web dinamici che infettano siti Web molto noti o da attacchi di tipo phishing che sfruttano la fiducia che gli utenti hanno verso siti legittimi, marchi molto noti e motori di ricerca. Il download di malware che avviene mentre si eseguono altre operazioni e gli avvisi fasulli (come ad esempio “il Flash Player non è aggiornato”) sono ora gli strumenti principali di infezione.

Per proteggersi da questo tipo di attacchi, le aziende hanno necessità di un livello supplementare di protezione Web. Per incrementare i tradizionali sistemi di difesa le aziende dovrebbero prendere in considerazione una soluzione di sicurezza Web che combini la classificazione dei

contenuti Web

con tecnologie di analisi approfondita delle minacce per identificare quelle emergenti e in costante evoluzione e offrire protezione da questo tipo di minacce indipendentemente dalla postazione.

Oggi i siti Web in media sono caratterizzati da decine di sottodomini e link UR L provenienti da server che possono essere facilmente compromessi dai cybercriminali. Per poter contare sulla migliore protezione possibile le aziende hanno necessità di avere visibilità completa di tutti i link Web nuovi e sconosciuti mediante l’analisi e la classificazione degli URL in tempo reale. Inoltre, queste informazioni devono essere immediatamente messe a disposizione di tutti gli utenti senza la necessità di aggiornamenti o ulteriori download di software per la protezione. Grazie a queste informazioni sulla sicurezza on demand, gli utenti aziendali sono protetti in qualsiasi

momento: a casa, in viaggio oppure sulla rete aziendale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore