Lo storage incontra l’Open Source

CloudServer

I maggiori esponenti nell’area Storage danno vita a una comunità open source

Brocade Communication Systems, Cisco Systems Inc., Computer Associates International, Engenio Information Technologies, Fujitsu Limited, IBM, McDATA Corporation e Network Appliance Inc. hanno creato una nuova comunità Open Source per offrire un più ampio ventaglio di scelte nell’area del software per infrastrutture storage. La nuova organizzazione prevede di sviluppare una piattaforma software comune per la gestione storage che garantirà ai clienti una superiore flessibilità nel modo di gestire gli ambienti. L’organizzazione si chiama Aperi e gli aderenti a questa comunità contribuiranno con il proprio codice e potranno far leva su una piattaforma comune per realizzare applicazioni software dedicate allo storage. Precedenti iniziative collegate alla formazione di gruppi di operatori del settore storage si sono concentrate sulla definizione di standard ma non sulla collaborazione allo sviluppo di una piattaforma Open Source per la gestione di dispositivi storage. I partecipanti ad Aperi, le cui attività saranno gestite da un’organizzazione multi-vendor indipendente e senza scopo di lucro, collaboreranno all’evoluzione di questa piattaforma che sarà disponibile gratuitamente. Il consorzio annuncerà presto i dettagli relativi alla struttura organizzativa. Inizialmente IBM intende donare alla comunità Open Source parte della propria tecnologia per la gestione delle infrastrutture storag e. Altri aderenti avranno la possibilità di donare parte delle rispettive proprietà intellettuali affinché la comunità possa far evolvere la piattaforma e incoraggiare gli sviluppatori a scrivere software per la gestione storage basato su di essa. Parallelamente, la comunità aiuterà i clienti permettendo ai produttori di sviluppare una piattaforma di gestione all’interno di un framework comune Open Source – e concentrarsi sulla messa a punto di nuove funzionalità per arricchire i rispettivi prodotti storage. Aperi farà leva sugli standard storage aperti già esistenti come le specifiche SMI-S (Storage Management Initiative Specification) della SNIA (Storage Networking Industry Association), che sviluppa e standardizza tecnologie di gestione storage interoperabili destinate a interfacce hardware. Maggiori informazioni sono reperibili all’indirizzo www.ibm.com/storage/community .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore