Logitech: distrutti 10.000 mouse contraffatti

Aziende

Il produttore di periferiche dimostra il valore della reputazione del brand sul mercato

Logitech ha distrutto più di 10.000 mouse contraffatti destinati al mercato parallelo in Europa e in USA. Questa presa di posizione è i n linea con l’azione legale intrapresa da Logitech contro Matador Businesses LLC (USA) e Infinite Force Cargo Service H K Ltd. (Hong Kong, China) per i tentativi di imitazione del marchio, condotti dalle due società. I mouse sono stati distrutti completamente, a dimostrazione della serietà con la quale la società si tutela da contraffazioni dei propri prodotti e del proprio marchio. I 10.000 mouse sono stati scoperti nell’agosto 2004 da clienti danesi: al sospetto di contraffazione, i mouse sono stati confiscati e testati da Logitech, che ha confermato la falsità dei prodotti. A fine settembre 2004, Logitech ha intrapreso azioni legali contro Infinite Force Cargo Service HK Ltd e il distributore Matador Businesses LLC. Il procedimento è stato condotto in Danimarca dalla Corte Marittima e Commerciale di Copenhagen in osservanza della sezione 43(4) della normativa danese sui trademark, che riconosce a Logitech diritti esclusivi sull’uso dei propri marchi registrati. In agosto 2005, la Corte ha dichiarato le due società colpevoli per la contraffazione del marchio Logitech e ha deciso che tutti i prodotti venissero distrutti, inoltre ha stabilito un rimborso a favore di Logitech di circa 85.000 euro in 14 giorni, più le spese legali e gli interessi maturati. La cifra corrisposta si basa sul valore commerciale dei prodotti originali e ha rappresentato un messaggio significativo per tutti i potenziali contraffattori.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore