L’Onu contro la spazzatura hi-tech

Aziende

Una nuova alleanza guidata dalle Nazioni Unite detta le linee guida di
un’iniziativa per proteggere l’ambiente dall’e-waste

L’e-waste sommerge la Cina e non solo. Finora GreenPeace ha lanciato allarmi, ben poco ascoltati, sulla spazzatura elettronica e i rifiuti hi-tech. A dare la sveglia questa volta ci pensa l ‘Onu: le Nazioni Unite hanno deciso di guidare una nuova alleanza contro l’e-waste, per proteggere l’ambiente dalla spazzatura hi-tech. La neonata organizzazione Solving the E-waste Problem (o Step)é raccoglie intorno a sé tre agenzie Onu, 16 aziende (comprese Microsoft, Philips e Hp), governi e università. Si prevede che l’e-waste presto genererà40 milioni di tonnellate all’anno. La nuova organizzazione guidata dall’Onu stilerà le linee guida per porre un rimedio all’ecoproblema.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore