L’Osservatorio open source ha il suo portale

Workspace

Il ministro per le Riforme e l’innovazione, Luigi Nicolais, punta su riuso,
collaborazione e accessibilità alle risorse open source nella Pubblica
Amministrazione

Riuso, collaborazione e accessibilità alle risorse open source: gli enti locali potranno rendere pubbliche tutte le loro applicazioni in tema, sul Portale dell’Osservatorio Open source. L’ Osservatorio open source ha finalmente il suo portale. Proprio nei giorni scorsi Aitech-Assinform ha espresso forti critiche all’open source calato dall’alto contro il software proprietario. La Pubblica Amministrazione avrà una chance in più per scegliere l’open source. Il Portale dell’Osservatorio open source si dividerà in aree:ASC, Ambiente di sviluppo cooperativo; Vetrina virtuale. Il Presidente del Cnipa Livio Zoffoli scommette sul riuso del software, ma anche sulla cooperazione sui progetti e sull’interoperabilità, sull’adozione di formati e standard aperti. Infine, l’Osservatorio open source del Cnipa ha fornito alcune cifre: si è osservato un aumento delle Pa (centrali) che usano anche software open source per i propri sistemi, passando dal 54% del 2005 al 67% del 2006.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore