Lotta al pedoporno online e al cyber-bullismo

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Gli Isp Verizon, Sprint e Time Warner Cable si uniscono in nome della guerra alla pedofilia in Rete. In Usa il tecnobullismo sarà illegale

Negli Stati Uniti è lotta al pedoprno online e al cyber-bullismo. Gli Isp Verizon, Sprint e Time Warner Cable, in nome della lotta al pedoporno online, bloccheranno Internet bulletin board e siti Web che diffondono pornografia infantile in Rete. Lo riporta il New York Times. Verrà chiuso l’accesso ai newsgroup come Usenet e ai siti Web che diffondono pedoprno.

Gli Isp stanno trovando u n accordo con l’attorney general di New York, Andrew Cuomo. Ancora non c’è nulla di ufficiale, ma l’era “dell’irresponsabilità” potrebbe volgere al termine.

Email, chat e instant messaging hanno condotto un ragazzo al suicidio: gli Stati Uniti vogliono dare anche un giro di vite al tecnobullismo in Rete, con due proposte di legge, che renderanno illegale l’attività dei cyber-bulli nel Misouri e poi negli Usa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore