LUe rimanda le decisioni sullunbundling a novembre

Network

Il Commissario Erkki Liikanen per ora lascia liberi gli Stati sullunbundling, ma da novembre le cose cambieranno

La Comunità Europea non interferirà con le decisioni dei paesi membri in materia di unbundling, almeno fino al prossimo novembre. Anche in caso dinadempienze sui tempi previsti, i diversi operatori potranno essere richiamati solo dalle autorità dello stesso stato. In Italia, quindi, su eventuali inadempienze da parte di Telecom, sarà competente a decidere solo lAuthority per le TeleComunicazioni. Le cose cambieranno, però il prossimo autunno, quando sarà pronto il Rapporto annuale sullo stato delle Tlc. Differente invece lorientamento per quanto riguarda il complesso panorama dellUmts. In questo settore stiamo assistendo a due fenomeni diversi da una parte le grandi alleanze di Germania e Inghilterra e dallaltra le licenze appena concesse di Francia e Italia che però hanno portato in cassa molti meno soldi del previsto. Sui questo settore, proprio per arrivare a uno sviluppo il più possibile omogeneo, sembra che lUnione Europea non abbia intenzione di allentare il controllo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore