L’ufficio brevetti dice no a Microsoft sul Fat

Workspace

Non sarà facile per Microsoft ottenere il brevetto sul Fat

NEW YORK. L’Ufficio brevetti statunitense ha giudicato ovvia l’idea che sottende alla richiesta di Microsoft per il brevetto sul Fat (File Allocation Table). Se entro i prossimi novanta giorni Microsoft non addurrà prove contrarie, il brevetto – conferito nel 1996 a Microsoft e oggetto di molte critiche – non sarà riconosciuto. A Redmond ostentano sicurezza, come traspare dal comunicato stampa diramato poco dopo la decisione dell’Ufficio brevetti: “Capiamo che questo è solo un altro passo nel processo che assicura l’alta professionalità del sistema brevettuale. A questo punto abbiamo l’opportunità di dimostrare la natura innovativa della nostra idea e ottenere il brevetto e siamo convinti che l’Ufficio brevetti ci darà ragione.” Il Fat è un mezzo di archiviazione dei file abbondantemente diffuso, non solo sui computer ma anche sulle memory card utilizzate per le macchine fotografiche digitali; inoltre il Fat è utilizzato anche da Samba il software Open Source che permette lo scambio di dati tra i sistemi operativi Linux/Unix e Windows. Studiocelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore