L’ultimo MacWorld Expo con Philip Schiller

Aziende

Senza Steve Jobs, si è tenuto il MacWorld Expo 2009: l’ultimo della storia Apple. Novità sono: il MacBook Pro da 17 pollici e l’addio al Drm su tutto iTunes; l’aggiornamento di iWork e iLife con un occhio a Facebook e Flickr. Infine l’iPhone potrà comprare musica anche via 3G e iWork ’09 va online con la beta pubblica di iWork.com

L’ultimo MacWorld Expo 2009 (l’ultimo della storia Apple, dal 2010 l’Expo infatti non si terrà più) ha visto salire sul palco Philip Schiller, invece di Steve Jobs , come preannunciato. E’ stato un MacWorld sotto tono e senza troppe sorprese, soprattutto in ambito harwdare. Le maggiori novità sono state: il MacBook Pro da 17 pollici (green e con 8 ore di produttività wireless) e l’addio al Drm su iTunes; l’aggiornamento di iWork e iLife con un occhio al Web 2.0 di Facebook e Flickr. Infine l’iPhone potrà comprare musica anche via 3G, e non solo via WiFi.

Philip Schiller, che ha tenuto il keynote all’ultimo MacWorld (invece del solito Stevenote), ha detto che 3,4 milioni di utenti visitano gli Apple store ogni settimana:finita l’era delle fiere, Apple si può toccare con mano ogni giorno in un Apple store. Nel 2008 sono stati venduti 9,7 milioni di Mac.

Apple eliminerà i lucchetti anti-copia sui brani musicali e, in più, al costo di 30 centesimi, permetterà di togliere il Drm anche alle vecchie canzoni acquistate. I prezzi del nuovo iTunes tutto senza Drm (con 8 milioni di brani “liberi”, disponibili subito, e 10 milioni entro aprile) saranno però più flessibili: con prezzi da 69, o 99 centesimi e 1,29 dollari.

L’ultima novità hardware (presentata per ultima, come un crescendo in musica) è il MacBook Pro da 17 pollic i. Il nuovo notebook sfrutta il Green It e promette 8 ore di produttività wireless. Il nuovo MacBook Pro da 17 pollici include uno schermo lucido ultra sottile, widescreen 1920 x 1200 con il 78 percento di pixel in più rispetto al MacBook Pro da 15 pollici e un gamut colore del 60 percento più grande che garantisce una qualità colore tipica dei

desktop in un portatile. Lo schermo LED retroilluminato che si accende all’istante, utilizza il 30 per cento di energia in meno e non contiene il mercurio che si può trovare nei tubi fluorescenti di retroilluminazione standard.

Con uno spessore di 2,48 cm e un peso di 2,73 Kg, il MacBook Pro da 17”, con scocca unibody di alluminio, è il portatile da 17 pollici più sottile e leggero. Equipaggiato con l’ultimo processore Intel Core 2 Duo con frequenza di 2,93 GHz, fino a 8GB di memoria DDR3 e una architettura grafica che permette agli utenti di cambiare dal processore grafico integrato NVIDIA GeForce 9400M, pensato per una maggiore autonomia della batteria, al potente NVIDIA 9600 GeForce per prestazioni superiori. Il nuovo MacBook Pro da 17 pollici è disponibile con un disco rigido standard da 320GB a 5400 rpm e tre opzioni: un hard disk standard da 320GB a 7200 rpm e due dischi a stato solido da 128GB e 256 GB. Come il resto della nuova famiglia di MacBook, il MacBook da 17 pollici

integra una Mini DisplayPort di ultima generazione, standard di mercato per connetterlo al nuovo Cinema Display LED Apple, caratterizzato da uno schermo widescreen da 24 pollici a retroilluminazione LED con videocamera iSight, microfono e casse integrati. La nuova famiglia di MacBook

risponde ai rigidi requisiti Energy Star 4.0, contiene ritardanti di fiamma senza bromo e utilizza cavi e componenti interni senza PVC. Le batterie esauste possono essere sostituite per 179 euro, installazione e smaltimento della vecchia batteria in maniera ecologicamente responsabile comprese. Il nuovo MacBook Pro da 17 pollici sarà disponibile dalla fine di gennaio ad un prezzo Apple Store di 2.499,00 euro.

Fra le novità, la versione 2009 della suite multimediale iLife: con il nuovo software iPhoto 09 si possono individuare le facce delle persone e dare loro un nome (si chiama Faces); con Places, invece, si puo’ sfruttare il geotagging delle foto per localizzare i luoghi in cui si scattano le foto. iLife 09 sara’ in

commercio a 79 euro da meta’ gennaio. iLife ’09 presenta anche gli aggiornamenti dei software iMovie e GarageBand e include iDVD e una versione aggiornata di iWeb. iMovie ’09 amplia la funzionalità di creazione ultra-veloce di filmati introdotta in iMovie ’08 aggiungendo la complessità desiderata dagli utenti tramite nuove funzionalità potenti ma facili da utilizzare come Precision Editor, la stabilizzazione video, il drag-and-drop avanzato e le mappe animate. GarageBand ’09 introduce una modalità di aiutare gli utenti a imparare a suonare piano e chitarra, con 18 lezioni di base e ulteriori lezioni opzionali di grandi artisti del calibro di Sara Bareilles, John Fogerty, Norah Jones e Sting.

iWork ’09 (a 79 euro) è l’ultima versione della famosa suite Apple per la produttività, che introduce nuove funzionalità senza compromettere la facilità d’uso.Keynote ’09 presenta transizioni avanzate, che animano automaticamente gli oggetti con una scelta di effetti, e Magic Move, un modo per creare animazioni complesse unicamente applicando una semplice transizione. Pages ’09 presenta una nuova opzione di visualizzazione Full Screen che aiuta gli utenti a concentrarsi sulla scrittura, nonché una modalità “bozza” per organizzare pensieri e idee. Numbers ’09 offre ora la possibilità di raggruppare e riepilogare velocemente i dati e la capacità di creare formule complesse in maniera semplice. Apple ha annunciato inoltre il suo ufficio sul Web: la beta pubblica di iWork.com , un nuovo servizio che Apple sta sviluppando per offrire la condivisione dei documenti di iWork ’09 onlin e.

Infine l’iPhone: non è ancora tempo di versione Nano, ma il Melafonino potrà comprare musica anche via 3G e non solo WiF i.

Tutto il MacWorld Expo 2009 nello Speciale di VNUnet.it: Il primo Macworld senza Steve Jobs

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore