L’Unicef vuole Internet sicura

Workspace

Tre minori su quattro sono in Rete da soli

Al via il progetto didattico di UNICEF Italia e SicuramenteWe b per la sicurezza online dei minori, con la collaborazione della Polizia di Stato e la Polizia Postale e delle Comunicazioni e il patrocinio del Ministero delle Politiche per la Famiglia. Sono mille scuole secondarie di primo grado coinvolte. Internet attualmente non è a misura di bimbi: il 79% dei minori utilizza Internet; l’11% ha incontrato un pedofilo in chat; il 75% non lo denuncia ai genitori; solo il 23% dei bambini non naviga da solo; il 56% possiede un cellulare; il 30% non può fare a meno del telefonino. Parte ufficialmente oggi ?Missione Internet Sicuro! ?, l’iniziativa ideata da Microsoft Italia per riaffermare l’impegno dell’azienda ?per un mondo digitale migliore? ? a sostegno della navigazione protetta dei minori sul web e della sicurezza informatica, realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato e la Polizia Postale e delle Comunicazioni, con il patrocinio del Ministero per le Politiche della Famiglia. Il progetto coinvolgerà fino alla fine dell’anno scolastico 1.000 scuole secondarie di primo grado del Paese e decine di migliaia di studenti in tutta Italia, assieme ai loro insegnanti e genitori, attraverso due distinte fasi di sviluppo: una didattica, che si svolgerà direttamente in classe, l’altra di partecipazione a un concorso, cui sarà possibile accedere online. Ad ognuna delle 1.000 scuole secondarie di primo grado coinvolte nell’iniziativa, infatti, sono state consegnate alcune copie di un particolare cruciverba: un gioco educativo che permetterà innanzitutto ai ragazzi delle classi 1° e 2° dei diversi istituti, con l’aiuto dei propri insegnanti, di conoscere e comprendere i rischi e le opportunità del mondo di Internet, e successivamente di vincere due computer per la propria scuola, tra i 10 che verranno messi in palio da Microsoft. Il materiale multimediale a disposizione degli insegnanti potrà essere scaricato gratuitamente in fase di registrazione al concorso all’indirizzo www.apprendereinrete.it/concorsoUNICEF oppure direttamente dal sito www.apprendereinrete.it . Per partecipare al concorso basterà risolvere il cruciverba, identificare la parola chiave che vi è contenuta e comunicarla via internet. Ciascun insegnante, così, dopo aver inserito la parola chiave e aver risposto a un breve questionario, consentirà alla propria classe di accedere all’estrazione di due dei 10 pc in palio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore