L’Unione europea contro iTunes

AccessoriWorkspace

Questa volta al centro del contenzioso non è il Drm: Bruxelles accusa il
jukebox di musica online di Apple di violare le regole della concorrenza

L’Unione europea scalda di nuovo i muscoli contro iTunes. Il jukebox di musica digitale di Apple non permette agli utenti di scaricare brani musicali da un sito operante in un paese diverse. La questione è nata in seguito a una denuncia del 2004 dei consumatori britannici, secondo cui iTunes inglese offrirebbe download più cari rispetto ai prezzi Ue.Apple ha appena firmato un accordo con Emi per eliminare gli odiosi Drm (i lucchetti digitali anti pirateria ovvero Digital rights management). Ma in ambito Ue è ancora bufera su iTunes e i Drm non c’entrano: Bruxelles accusa la Mela e le etichette discografiche di violazione delle norme antitrust. Secondo il Financial Times, nel mirino della Ue, sono le quattro major: Universal (divisione di Vivendi), Warner, Emi e Sony BMG. Apple ha risposto alle accuse Ue, affermando di voler costruire un iTunes europeo, non più legato ai paesi di residenza: ma Apple, nella costruzione di un juke box pan europeo, sarebbe stata frenata proprio dalle case discografiche.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore