L’Unione europea proteggerà i bimbi dai videogame violenti

L’Unione europea sceglie la linea dura per proteggere i bimbi dai videogame violenti,

ma senza censurare e senza ledere i diritti dell’industria dei videogame. Il caso era scoppiato circa due anni fa con il videogame

Rule of Rose, quindi è avvenuta la censura di Manhunt 2 sia in Gran Bretagna che in Italia.

Finora l’Unione europea si era appellata all’autoregolamentazione, anche se Italia, Gran Bretagna, Germania e Irlanda hanno anche attuato divieti più selettivi che dovrebbero entrare in vigore entro i prossimi 2 anni.

20 su 27 Stati membri dell’Unione hanno adottato un sistema di classificazione per età denominato Pegi (Pan European Game Information), ma contro i videogame violenti l’Unione europea vuole fare di più.

Il Pegi suggerisce un’età minima per giocare a un videogame, ma la Ue vuole arrivare al Pegi Online dedicato al gaming in rete.

Ma l’azione regolamentare non dovrà essere proibizionismo senza senso per non infierire sui diritti degli autori dei videogiochi.

Newsletter
Iscriviti alla newsletter quotidiana di Itespresso