MacBook e iPod regalano una trimestrale stellare a Apple

AziendeMercati e Finanza

Le vendite dei notebook (+33%), iPhone (+88%) e iPod, in rialzo a due cifre, trainano il fatturato in crescita. Anche gli utili salgono. App Store a quota 500 milioni di download. Unica nota stonata: Apple finisce nel mirino della Sec

Apple per ora non sente la crisi, con o senza Steve Jobs. Tim Cook, nel ruolo di numero uno ad interim fino a giugno (quando potrebbe tornare Steve Jobs), può festeggiare la migliore trimestrale di sempre, in epoca di recessione:le vendite di notebook, MacBook e MacBook Pro, sono aumentate del 33% (quelle complessive dei Mac del 9%); gli iPod continuano ad essere un fenomeno, con 22 milioni di unità vendute (l’iPod Touch sta diventando una piattaforma di mini-gaming); 4,36 milioni di iPhone venduti, con un incremento dell’88% e App Store con 15mila applicazioni a quota 500 milioni di download; 2,5 milioni di Mac: l’unico nèo è il crollo delle vendite desktop (-25%), poiché tutti aspettano il rinnovo della gamma iMac; gli Apple Store hanno totalizzato 7 milioni di dollari di vendite contro gli 8,5 di un anno fa.

Nel primo trimestre 2009 Apple ha registrato utili pari a 1,61 miliardi di dollari, per 1,78 dollari per azione; fatturato in crescita del 5,8% a quota 10,2 miliardi di dollari. Il cash di Apple si attesta a 28 miliardi di dollari, oltre le precedenti previsioni. Gli iPhone venduti dal debutti, raggiungono i 13,7 milioni di pezzi.

Il titolo di Apple ha guadagnato il 9%. Anche se il prossimo trimestre sarà più duro, senza la spinta dello shopping natalizio, Apple può dirsi soddisfatta dell’ottimo lavoro compiuto per sfuggire alla morsa delle recessione e archiviare, per il momento, il congedo di sei mesi di Steve Jobs , che potrebbe però finire nel mirino della Sec .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore