Mainframe Ibm con chip dedicato a Java

Aziende

Ibm ha sviluppato un processore dedicato alle applicazioni Java per i propri server zSeries, chiamato zSeries Application Assist Processor. Naturalmente le applicazioni Java “girano” già oggi sui mainframe Ibm, ma non su hardware dedicato che adesso è invece disponibile al prezzo di 125.000 dollari. Entro la fine dell’anno Ibm rilascerà inoltre un nuovo mainframe e

Ibm ha sviluppato un processore dedicato alle applicazioni Java per i propri server zSeries, chiamato zSeries Application Assist Processor. Naturalmente le applicazioni Java “girano” già oggi sui mainframe Ibm, ma non su hardware dedicato che adesso è invece disponibile al prezzo di 125.000 dollari. Entro la fine dell’anno Ibm rilascerà inoltre un nuovo mainframe e un sistema storage per clienti medio-piccoli, lo z890, successore dello z800 e che riprenderà le caratteristiche essenziali di capacity on demand del fratello maggiore z990 rilasciato lo scorso anno. Ibm non ha ancora comunicato il prezzo dello z890, ma ha dichiarato che costerà meno dello z990 e sarà venduto con 28 diversi livelli di capacità. Anche se più volte è stata dichiarata la fine dei mainframe, in realtà queste macchine hanno ancora un ruolo importante e coprono una fetta significativa del mercato: Ibm ha venduto 2.700 macchine di questo tipo nel 2003 con un fatturato di 4,3 miliardi di dollari, contro i 2.300 e i 4 miliardi di dollari del 2002. Gli zSeries sono definiti da Ibm server, ma si tratta di macchine che differiscono sostanzialmente dagli altri server basati su architettura Power o su architettura Intel implementando chip, sistema operativo e componenti che non sono presenti sulle altre macchine. Oltre al nuovo mainframe, Ibm rilascerà il sistema storage Ess 750 che è scalabile da 1,1 a 4,6TB ed è destinato al mercato Pmi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore