Mandriva Linux 2006 Power Pack

Management

Nuova edizione più aggiornata e completa del sistema Linux nato dalla fusione di Mandrake e Connectiva

Mandriva Linux 2006 Power Pack rappresenta uno dei maggiori sforzi portati a termine dalla scomparsa Mandrake Inc. che, risorta dalle ceneri di un crack finanziario di preoccupanti proporzioni, ha saputo presentare, dopo la rinascita- fusione con Connectiva, un prodotto completamente ridisegnato, nella forma e nella sostanza. Power Pack è solo uno dei membri della numerosa famiglia Mandriva che offre soluzioni che soddisfano dall’utente singolo alla multinazionale. Nell’ambito dell’end user la software house offre tre prodotti diversi, il Discovery, il Power Pack e il Power Pack+, pacchetto, quest’ultimo, destinato a gestori di piccole reti domestiche. Descritto dal produttore come “full featured desktop”, Mandriva Power Pack viene fornito con due Dvd, anche se ne esiste, a richiesta, anche una versione su Cd. I Dvd incorporano la versione a 32 e 64 bit e un’enciclopedica libreria di oltre 4.000 applicazioni software. Il sistema si basa sul Kernel 2.6.12, combinato con lo xorg-x11 6.9 e il Glibc 2.3.5. Ovviamente le interfacce sono Kde 3.4 e Gnome 2.10 (nella versione minima è presente solo il primo) e incorpora il pacchetto OpenOffice. Il browser di default è il Mozilla e, durante l’installazione, vengono aggiunti, alla libreria dei programmi in dotazione, Acrobat Reader, RealPlayer, Flash, tutti nella versione più recente. Inoltre viene installato a richiesta software aggiuntivo come Opera, il sistema di telefonia Skype, un completo ambiente per la gestione di Internet (configurato automaticamente) e, se lo si desidera, anche una serie di tool destinati agli sviluppatori. Probabilmente la caratteristica migliore di questa release è l’installer, già punto di forza delle precedenti versioni. Basato come al solito sulla routine di boot da Dvd, richiede un intervento davvero minimo da parte dell’utente, come la scelta del percorso di installazione, della lingua e di pochi altri elementi. Il pacchetto riconosce automaticamente pressoché tutto l’hardware più recente collegato alla macchina o connesso al volo, installa una serie di tool di protezione, comprensivi di un antivirus, un antispam, un potente firewall, una pregevole routine di backup dei dati e un programma di archiviazione e compressione rapido ed efficiente. Il risultato è un sistema pronto a funzionare, perfettamente collegato a Internet e con a disposizione software per coprire almeno l’80% delle esigenze del comune utilizzatore. Altro elemento a favore di questa distribuzione è la presenza di un Mandriva Club; nato nel novembre 2001 e gratuito, nella sua formula iniziale, per i possessori del pacchetto. Consente di partecipare a forum, accedere, a particolari condizioni, a produttori commerciali, disporre di un mirror privilegiato ed esclusivo di download. Inoltre permette di partecipare, a un costo pressoché simbolico, per un certo periodo dopo la registrazione, a corsi di e-learning, e a un servizio di help in linea particolarmente ben curato. In un momento in cui il pianeta Linux appare un po’ oscurato da un certo senso di sfiducia generale, peraltro immotivata, la comparsa di una distribuzione aggiornata, moderna, facile e rapida non può che confortare i seguaci del “pinguino”, affezionati, con ogni ragione, alla loro potente e versatile creatura. Votazione: 88

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore