Marchi, la Corte di giustizia assolve Google dalle accuse di Louis Vuitton

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa

Google vince contro Louis Vuitton alla Corte del Lussemburgo. La responsabilità di pubblicizzare la merce tocca agli inserzionisti, e non al motore di ricerca

Google uno, Louis Vuitton zero. La Corte di giustizia del Lussemburgo ha dato ragione a Google, accusata di aver violato il copyright nell’uso di marchi come keyword.

Google aveva permesso a inserzionisti di comprare come parole chiave marchi rivali: ma questo uso dei marchi concorrenti non viola il diritto. Google Adwords è salvo.

È dunque permesso acquistare da Google una parola chiave relativa ad un marchio per apparire nei Link sponsorizzati. La responsabilità di pubblicizzare correttamente la propria merce tocca agli inserzionisti, e non a Google.

Louis Vuitton vs. Google
Louis Vuitton vs. Google
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore