Il marchio di Google vale più del brand di Apple

AcquisizioniAziendeMarketing
Google acquisisce Zync
9 2 1 commento

La società di Mountain View è cresciuta del 40% dal 2007 ad oggi, nella classifica dei marchi più valutati di BrandZ. Intanto Google prepara 30 miliardi di dollari in contanti, messi da parte per possibili acquisizioni. L’Antitrust europeo, infine, prenderà una decisione sull’affaire Google dopo l’estate

Google vale 159 miliardi di dollari e batte Apple, a 148 miliardi, nella classifica dei 100 brand al mondo stilata da BrandZ. La società di Mountain View è cresciuta del 40% dal 2007 ad oggi. Intanto Google prepara 30 miliardi di dollari in contanti, messi da parte offshore per possibili acquisizioni. Lo ha scritto Google in una lettera alla SEC, la Consob americana.

Google ha bisogno di capitali per siglare accordi, man mano che la competizione cresce a livello globale. La concorrenza è sempre più aggressiva: anche il ministro francese dello Sviluppo economico, Arnaud Montebourg, chiede maggiore concorrenza nel mercato delle ricerche online. “Il nostro business si è espanso in altre offerte di prodotti come i dispositivi mobili,” riporta la lettera ai regolatori. “È ragionevole credere che Google necessiti fra i 20 e i 30miliardi di dollari dei guadagni (messi a segno, ndr) all’estero per potenziali acquisizioni” anche all’estero.

Secondo Radio Free Mobile, sono nel mirino di Google tutte le aziende che trattano dati Internet, ma anche aziende come Twitch e perfino la francese Ubisoft. Inoltre investirà in industrie non ancora trasformate da Internet, come l’automotive, la robotica e la biotecnologia.

E in effetti lo shopping di Google (soprattutto nel Mobile, ma non solo) sta mettendo il turbo: nel volgere di poche settimane, il motore di ricerca di Mountain View ha acquisito Quest Visual, sviluppatore di applicazioni di traduzione in mobilità; Stackdriver, una startup specializzata nell’aiutare le aziende ad usare i servizi di computing online; Adometry, specializzata in misurazioni ed analisi Web; e si è aggiudicata Adometry per i servizi di misure Web ed analisi; a inizio maggio ha comprato Rangespan, startup per lo shopping, e i droni a energia solare di Titan. In precedenza, Google si è aggiudicata Nest (costata 3.2 miliardi di dollari) e DeepMind. In compenso, Google sta vendendo Motorola, l’unità smartphone, a Lenovo per 2.91 miliardi di dollari.

Google prepara 30 miliardi di dollari per potenziali acquisizioni. E batte Apple nella classifica dei marchi più valutati
Google prepara 30 miliardi di dollari per potenziali acquisizioni. E batte Apple nella classifica dei marchi più valutati

Infine la questione Antitrust in Europa esclude ogni ipotesi di disaggregazione di Google: L’authority di Bruxelles ha respinto la proposta di imporre a Google uno “spezzatino” delle sue attività. Joaquin Almunia, commissario Ue alla Concorrenza, ha spiegato che “l’dea di considerare un motore di ricerca come uno strumento essenziale che deve essere disaggregato o scisso da altri tipi di servizi non è maggioritaria”; e se in futiro si giungesse a questa ipotesi, per ridurre l’influenza del motore di ricerca in Europa, non si potrebbe fare attraverso decisioni Antitrust, ma tramite una normativa ad hoc. La strada sarebbe, se mai, quella legislativa. Ma per ora, Google può dormire sonni tranquilli. L’Antitrust europeo prenderà una decisione sull’affaire Google dopo l’estate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore