Mark Zuckerberg semplifica la Privacy su Facebook

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSocial mediaSorveglianza

Facebook in modo graduale sta semplificando e ridisegnando l’interfaccia privacy con un sistema chiaro ed esplicito. Ma, secondo Gartner, il sistema opt-out non piace agli inserzionisti

Dopo lo Tsunami delle ultime settimane, anche il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg è stato costretto a una clamorosa inversione a U. I setting della privacy verranno semplificati per venire incontro alle esigenze degli utenti, la cui vita non può finire nel mare magnum del Web, ma soprattutto per ottemperare alle richieste delle Authority Privacy e dei senatori Usa.

Facebook renderà più semplice porre limiti alla condivisione di informazioni personali con altri, soprattutto con i siti Web esterni. Mark Zuckerberg è apparso nervoso alla conferenza stampa di ieri sera, quasi come un giocatore di poker al tavolo verde: travolto dagli allarmi delle ultime settimane e perfino dalla minaccia di QuitFacebook.

Quello che è da trovare è l’uovo di Colombo: il giusto, armonico equilibrio tra il diritto di tutelare le proprie informazioni sensibili e il business dei social networking di monetizzare la propria popolarità. Ma in gioco è la privacy di oltre 400 milioni di utenti. Gli utenti devono essere in grado di capire quanta informazione messa online, venga poi condivisa.

Facebook in modo graduale sta semplificando e ridisegnando l’interfaccia privacy con un sistema chiaro ed esplicito, senza fraintendimenti. Zuckerberg sa che ci saranno proteste, ma le modifiche soddisferanno molti utenti. Il sistema opt-out non piace agli inserzionisti, spiega Gartner. Facebook ha urgente bisogno di trovare un business model per monetizzare. ACLU e Eff sono contente della direzione intrapresa da Facebook in difesa degli utenti, anche quelli pigri che non hanno a cuore la privacy.

Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook
Mark Zuckerberg, Ceo di Facebook
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore