Mci dopo la bancarotta guarda alla Net-telephony

NetworkProvider e servizi Internet

Dopo la bancarotta Mci conta sulla telefonia via Internet. I programmi
di rilancio secondo Michael Capellas, ceo e presidente della rinnovata
società di telefonia a lunga distanza.

L’occasione è stata il NetWorld+Interop show di Las Vegas, appuntamento dedicato alle problematiche e opportunità del Web. L’annuncio la riorganizzazione di Mci dopo la bancarotta. Le intenzioni, dedicarsi alla telefonia via Internet. La fonte, Michael Capellas Ceo e presidente del nuovo assetto societario della compagnia di telefonia a lunga distanza. La precedente gestione ha accumulato, nel solo primo trimestre di quest’anno, perdite per 388 milioni di dollari e ha dovuto licenziare 7.500 persone. Secondo Capellas l’esperienza maturata nella telefonia a lunga distanza consentirà di rilanciare la Mci nell’attuale, allettante, mercato della trasmissione dei dati digitali, che, come ha ricordato, possono utilizzare gli stessi network della telefonia. “?Voce, dati, musica, immagini, tutto viene digitalizzato e la gente ha bisogno di accedere a tutti questi contenuti” afferma Capellas. Perciò la strategia della Mci, che è già presente in 140 Paesi, e di espandere il proprio network. In quest’ottica va vista l’espansione network Mpls in Cina e India. Nell’occasione anche un annuncio importante: Mci ha siglato un accordo con Microsoft per lo sviluppo delle tecnologia VoIp.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore