Mediazione tributaria snella, accordo tra fisco e commercialisti

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza

L’Agenzia delle Entrate e Consiglio nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili hanno siglato a Roma il protocollo di intesa per snellire e velocizzare le controversie tributarie

Velocizzare le soluzioni legate alle controversie tributarie. Questo è uno degli obiettivi che, l’Agenzia delle Entrate e i Commercialisti, vogliono raggiungere grazie all’accordo siglato per massimizzare le potenzialità del nuovo istituto. Commercialisti e fisco hanno siglato un accordo proprio per raggiungere soluzioni rapide, condivise, legittime e trasparenti.

È questo uno dei principali obiettivi del protocollo d’intesa tra l’Agenzia delle Entrate e il Consiglio nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili, firmato a Roma dal direttore dell’Agenzia, Attilio Befera, e dal presidente del Consiglio nazionale, Claudio Siciliotti.

Il nuovo accordo apre la strada a una collaborazione orientata alla cooperazione in sede amministrativa, alla diffusione della conoscenza e alla realizzazione di un osservatorio che consenta di monitorare l’andamento della mediazione tributaria.

Il protocollo d’intesa nazionale farà da cornice ai diversi accordi che saranno stipulati tra le direzioni provinciali dell’Amministrazione e le sedi locali dell’ordine dei Dottori Commercialisti.

L’Agenzia si impegna, in particolare, a esaminare tutte le istanze in modo approfondito, a segnalare tempestivamente l’eventuale improponibilità dell’istanza, a concedere, se necessario, la sospensione per evitare che l’attivazione del procedimento amministrativo provochi danni patrimoniali al contribuente e a ritenere validi i pagamenti, anche quando le somme versate siano, per errore, lievemente inferiori a quelle dovute o versate con lieve ritardo, a condizione che il contribuente sani tempestivamente l’irregolarità.

Al contempo, l’ordine dei Dottori Commercialisti si impegna a sensibilizzare i propri iscritti sul carattere preventivo e obbligatorio della mediazione, sulla necessità di fornire all’Amministrazione i recapiti necessari a garantire un rapido ed efficace scambio di comunicazioni, oltre che a lavorare insieme all’Agenzia in modo collaborativo per arrivare in tempi rapidi a una definizione del
procedimento che sia in linea con i principi sanciti dallo Statuto del Contribuente e con quelli della giusta imposizione e del giusto procedimento.

Per le controversie di valore non superiore a 20mila euro non è più possibile fare ricorso alla Commissione tributaria senza aver prima presentato istanza di reclamo-mediazione all’Agenzia delle Entrate. Infatti, al fine di prevenire le liti “minori”, che possono essere risolte senza ricorrere al giudice, il Dl n. 98/2011 ha introdotto il nuovo istituto del reclamo-mediazione, che garantisce al Contribuente tempi brevi e certi per ottenere una risposta dell’Agenzia e, in caso di accordo, sanzioni ridotte al 40%.

La mancata presentazione dell’istanza di reclamo-mediazione è causa di inammissibilità del ricorso alla Commissione tributaria.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore