Memorie eterne

Workspace

Arriva la memoria magnetica

Si chiama Magnetoresistive Random Access Memory (MRAM) la nuova RAM magnetica messa a punto dalla americana Freescale. L’azienda produce semiconduttori presenti nei cellulari, per esempio di Motorola e Sony, nei compuer Apple e nelle centraline di auto di Mercedes, BMW, Ford, Hyundai e General Motors. La MRAM è una tecnologia che può essere definita rivoluzionaria: si tratta di una memora non volatile, come il disco fisso per intenderci, che può essere utilizzata per sostituire le Flash Memory. Invece che di cariche elettriche le MRAM fanno uso di campi magnetici per determinare lo stato di un bit. In termini pratici questo significa che le MRAM sono veloci, consumano pochissima energia, durano per periodi virtualmente illimitati e conservano memoria anche in assenza di corrente elettrica. State già immaginandone i benefici? Bene, allora aggiungeteci che a regime costeranno molto di meno. Freescale ha già iniziato la produzione di un chip da 4 Mbit che viene utilizzato nel campo della sicurezza, nelle console da gioco, nei sistemi di archiviazione e nelle stampanti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore