Meno sicuri in ufficio che a casa

Aziende

Gli utenti tendono a compiere operazioni rischiose in ufficio perchè si sentono più protetti

A conferma che la sicurezza dei sistemi informatici aziendali non può essere affidata solo a dispositivi hardware e software ma deve essere anche oggetto di specifiche policy aziendali, giunge una ricerca condotta da Trend micro che mette in luce come gli utenti adottino comportamenti più rischiosi con il pc dell’ufficio piuttosto che con quello che hanno a casa. Aprire gli allegati ai messaggi di posta elettronica sospetti o visitare siti Web poco ortodossi è pratica che in molti preferiscono condurre in ufficio perchè sanno che in caso di problemi possono rivolgersi all’assistenza del dipartimento It. Proprio la presenza di esperti in azienda crea anche una falsa sensazione di sicurezza che spinge molti ad avere comportamenti poco sicuri perchè convinti di essere dotati di tutti gli strumenti capaci di proteggere in automatico i loro personal computer e i dati in essi contenuti. I responsabili dei sistemi informativi devono quindi, per ridurre il fenomeno, agire sulla cultura della sicurezza e non solo acquistare nuovi firewall o antivirus.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore