Mercato ICT, chi ha vinto e chi ha perso in Borsa nel 2014

AziendeMarketingMercati e Finanza
Pagelle alla finanza hi-tech nel 2014
1 3 Non ci sono commenti

Apple ha registrato il record di capitalizzazione a fine anno. HP, Microsoft e
Facebook in salita. Invece Google in flessione. Le pagelle della finanza hi-tech

Apple ha archiviato il 2014 con il record di capitalizzazione: 651 miliardi di dollari grazie al 45% di crescita del titolo nell’anno appena trascorso. Mentre Google è in calo, risultano in rialzo HP, Microsoft e Facebook: Hp, prossima alla separazione in due business, ha chiuso l’anno con una capitalizzazione a 75 miliardi di dollari. Microsoft è salita a 380 miliardi di dollari, mettendo a segno una crescita del 32%. Il 2014 ha visto la svolta di Facebook nel Mobile: balzo del 36,5% a 220 miliardi di dollari. Sempre con il segno più è Oracle, in crescita del 20% a 189 miliardi di dollari. Anche EMC ha registrato un incremento del 18% a 57 miliardi di dollari.

IBM ha finito l’anno in flessione del 14% a 162 miliardi di dollari. Google ha segnato un calo del 6% a 325 miliardi di dollari.

Le pagelle della finanza hi-tech vedono Accenture a quota 58 miliardi di dollari, Samsung a 195, Intel a 171. In ambito Tlc, AT&T ha chiuso a 173 miliardi, Verizon a 192 miliardi. Vodafone a 86 miliardi di dollari, America Movil a 75, Deutsche Telekom (74 miliardi), NTT (59 miliardi), Telefonica (63 miliardi). Si piazzano BT a 49 miliardi di dollari, Orange a quota 43, Telecom Italia a 19, Sprint a 16 e Kpn a 13.

Pagelle alla finanza hi-tech nel 2014
Pagelle alla finanza hi-tech nel 2014

Le previsioni per il 2015? Apple lancerà presto lo smartwatch Apple Watch, entrando nel mercato della Wearable Tech. Le vendite di dispositivi aumenteranno di sei volte a 111.9 milioni di unità, secondo IDC. Apple ha anche depositato il brevetto di una videocamera sportiva e indossabile: la notizia ha fatto calare il titolo di GoPro in Borsa. Inoltre l’azienda di Cupertino sta per espandere Apple Pay, il sistema di pagamento via smartphone. Il mercato dei pagamenti mobili passerà dai 12.8 miliardi di dollari nel 2012 ai 90 miliardi di dollari nel 2017, secondo Forrester Research.

Nel 2015 Microsoft lancerà Windows 10 con le apps universali e il nuovo browser Spartan e l’assistente vocale e digitale Cortana.

Hp, il secondo vendor del mercato Pc globale, primo a livello europeo, si divide in due per rimanere competitiva. Grazie al breakup, si crea una nuova azienda focalizzata sull’hardware consumer e sui servizi di stampa, mentre l’altra unità si occuperà di hardware enterprise e servizi software.

Samsung, primo vendor del mercato smartphone, chiuderà con profitti in calo, per la prima volta in tre anni, dal 2011. Samsung, che soffre la concorrenza della cinese Xiaomi, ha deciso il debutto di Tizen OS su smartphone, dopo aver annunciato al CES 2015 che la piattaforma salirà su tutte le smart tv di quest’anno. Lo smartphone con Tizen costa 92 dollari, e sarà in commercio in India. In precedenza erano stati cancellati i lanci in Russia e Giappone. Anche Samsung potrebbe entrare quest’anno nel mercato degli m-payments.

Secondo la società d’analisi IDC, il mercato Pc ha contenuto le perdite. Il mercato Pc ha limitato i danni grazie al pensionamento di Windows Xp, tuttavia l’erosione non si arresterà. Anche il 2015 sarà contrassegnato dal segno negativo.

IDC stima che siano stati venduti nel 2014 1.3 miliardi di smartphone. La crescita del mercato smartphone passerà dal 26% di quest’anno al 12% del 2015 a quota 1.4 miliardi di pezzi. La frenata del mercato smartphone è destinata a durare fino al 2018. Gartner prevede che 9 cellulari su 10 venduti nel 2018 saranno smartphone.

Secondo Gartner, il mercato tablet cresce dell’11%, un quinto rispetto a un anno fa. Un buon incremento, ma il settore rallenta rispetto all’incremento del 55% di un anno fa. Molti utenti stanno sostituendo i vecchi tablet non con nuove tavolette, ma con ibridi e modelli 2-in-uno: il segmento ultramobile di fascia Premium è in crescita al 22% nel 2014 e al 32% dal 2018. Gartner stima 90 milioni di acquisti di nuovi tablet e 155 milioni di minori sostituzioni di tablet nel corso del 2018.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore