Merom è alle porte

ComponentiWorkspace

Entro l’anno saranno più di 200 i portatili con il nuovo processore di Intel

E’ ormai imminente l’arrivo dei primi portatili dotati del nuovo processore Intel noto con il nome in codice Merom. La Cpu è la terza versione nata dal progetto Intel di una microarchitettura comune, chiamata Core, per i processori per desktop, server e portatili. Come per i processori Conroe (nome in codice della versione per desktop conosciuta con i l nome ufficiale di Core 2 Duo) e Woodcrest (la versione per i server) anche queste Cpu per portatili utilizzano un processo produttivo a 65 nanometri. Tra le innovazioni di questa nuova generazione di Cpu va annoverata la presenza di una cache al secondo livello ottimizzata per i processori multi core, ma anche di bus di dimensioni maggiori rispetto all’attuale generazione e un più articolato e efficace sistema di power management. Sul nome ufficiale delle nuove Cpu che costituiranno la piattaforma Intel Centrino Duo non ci sono sorprese, visto che lo scorso maggio Intel ha annunciato che il nuovo marchio Core 2 Duo sarebbe stato unificato per le Cpu per desktop e portatili. Per i modelli, le sigle saranno 5xxx0 e 7xxx0 con le varianti corrispondenti alle indicazioni del model number già utilizzato per i processori per desktop. In questo caso sarà usata la lettera T nella sigla per indicare il consumo, che è compreso fra 25 e 55 W, mentre le successive versioni low voltage e ultra low voltage, quindi con consumi compresi 15 e 24 W, saranno usate le lettere U e L rispettivamente. I modelli saranno i T7600, T7400, T7200, T5600 e T5500, con prezzi rispettivamente di 637, 423, 294, 241 e 209 dollari se acquistati in lotti da 1.000 unità. Per i chipset, la piattaforma utilizzerà la versione 945 Express e l’ Intel PRO/Wireless 3945ABG per la parte Wi-Fi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore