‘Mi piaci’ su Facebook: un miliardo di click in 24 ore. Ma privacy a Ko

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza

La pubblicità di Facebook mette sotto pressione la privacy

Facebook ha lanciato Like per seguire gli utenti sui siti satelliti: all’iniziativa hanno aderito 50mila siti in una settimana e il bottone “mi piace” è stato premuto un miliardo di volte in sole 24 ore. Con la mossa di espandere i confini del sito Facebook.com, il social network con 400 milioni di utenti ha creato le basi di una nuova generazione di inserzioni mirate e fin troppo personalizzate, ma Facebook è nella bufera. Infatti il vero nèo del servizio è la privacy: online cresce il malumore degli utenti.

Facebook sfida i colossi dell’advertising on line come Google. “Open Graph” prevede l’impiego di alcune opzioni base del social network in altri siti: un visitatore di Cnn.com potrà esprimere un parere premendo il bottone “mi piace” sotto un articolo, o controllare quali contenuti sono stati apprezzati dai suoi “amici”.

“Disporre di tutti questi dati per tutto questo tempo sui consumatori non può che posizionare Facebook in una posizione privilegiata verso gli inserzionisti on line” spiega Forrester Research.

il mercato stima i ricavi di Facebook per il 2009 tra i 500 e i 650 milioni di dollari, lontano dai quasi 24 miliardi di dollari di Google o dei 6,5 miliardi di Yahoo!. Ma ora il “Mi piaci” allarga “il campo in cui (Facebook) gioca (…) da 10 metri a intero un campo da football” ha sottolineato Buddy Media. Ma la privacy?

Il social network Facebook
Il social network Facebook
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore