Microsensori organici per le confezioni alimentari dei superstore Usa

Management

Prosegue a tappe forzate la marcia di avvicinamento tra biotecnologie e microtecnologie. Sempre più emergente il trend dellIct in chiave biologica

La linea di confine tra le biotecnologie e le micro/nanotecnologie sempre pi sottile, in linea con il trend emergente di Sylicon Valley, quasi interamente convertitasi alle prime, dopo le delusioni, il flop e le ingenti perdite economiche provocate dalla Net/New Economy. Anche se non proprio tutti gli operatori dellIct sono del parere che linedita joint-venture tra chip di silicio e organismi animali/vegetali sia veramente la strada del futuro, sono comunque in molti quelli che scommettono su questa combinazione. Vivek Subramanian, un ricercatore dellUniversit della California, ha avuto uninteressante idea sulla maniera di indicare la scadenza stampata sulle confezioni alimentari in vendita nei supermercati. La data prestampata potrebbe infatti essere sostituita da microsensori organici, in grado di registrare il livello di crescita batterica e quindi di indicare al potenziale acquirente quando il prodotto andato a amale. Una versione prototipo del segnalatore verr testata per tutta questa estate nei principali drugstore e superstore di alcune delle pi importanti metropoli americane. Se i microsensori organici supereranno il test, le versioni definitive del nuovo tipo di sensore potrebbero arrivare sul mercato nel giro di pochi anni.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore