Microsoft: accordo sulla blockchain con Baml, con Renault sulla guida autonoma

AziendeMercati e Finanza
Le principali novità di Microsoft Ignite 2016
1 2 Non ci sono commenti

Microsoft e Bank of America Merrill Lynch (BAML) hanno unito le forze su un progetto blockchain. La partnership con Renault-Nissan riguarda la guida autonoma

Giornata di alleanze per Microsoft. L’azienda di Redmond ha siglato un accordo sul blockchain con Bank of America Merrill Lynch (BAML), e un’intesa con Renault sulla guida autonoma. Microsoft e Bank of America Merrill Lynch hanno unito le forze su un progetto per utilizzare la tecnologia di blockchain per rendere più veloci, economiche, sicure e trasparenti le transazioni di trade finance. Il framework basato su blockchain potrebbe essere ceduto eventualmente ad altri business. Blockchain funziona su sistemi di electronic record-keeping e transaction-processing che permette a tutte le parti per tracciare le informazioni attraverso un network sicuro e non richiede verifiche di terze parti.

Microsoft: accordo sulla blockchain con Baml, con Renault sulla guida autonoma
Microsoft: accordo sulla blockchain con Baml, con Renault sulla guida autonoma

Passiamo all’accordo con Renault-Nissan in merito alla guida autonoma. La collaborazione avviene sotto il segno del cloud con lo sviluppo di nuovi servizi connessi per le vetture, attraverso la piattaforma Azure.

Il tema dell’auto senza conducente è sugli scudi: iniziò Google nel 2009, e da allora è stata una corsa per rendere la guida più facile e sicura, azzerando la congestione del traffico e il rischio incidenti (anche se proprio l’altro giorno ha avuto un’incidente una Google car, sebbene la causa vada attribuita alla distrazione umana): l’errore umano ha un ruolo nel 94% di questi incidenti.

Per il Boston Consulting Group (Bcg) il mercato delle auto senza conducente potrebbe valere 42 miliardi di dollari entro il 2025.

Apple ha investito 1 miliardo di dollari nella società cinese di ride sharing Didi Chuxing, e si vocifera di un interessamento verso MacLaren. Uber ha un’alleanza con Volvo per sviluppare self-driving car, e sta per lanciare un taxi senza conducente a Pittsburgh: inoltre, a fare le consegne a domicilio (di sushi e pizza), fra non molto, potrebbero essere anche gli autisti dell’app.
General Motors ha annunciato l’investimento di 500 milioni di dollari in Lyft: la partnership punta a una rete integrata di veicoli autonomi disponibili on-demand, dedicata ai servizi di ride sharing.
Audi sta sviluppando Jack, un programma di guida pilotata, per eseguire in autonomia tutte le manovre su strada.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore