Microsoft avrebbe acquisito la britannica SwiftKey

AcquisizioniAziende
Microsoft avrebbe acquisito la britannica SwiftKey
2 3 Non ci sono commenti

Scondo indiscrezioni non confermate, Microsoft fa shopping nell’Artificial intelligence (AI). Si sarebbe aggiudicata SwiftKey, azienda inglese nota per la popolare tastiera predittiva

Microsoft compra SwiftKey, azienda britannica  specializzata in artificial intelligence (AI). Lo riporta il Financial Times (FT), secondo cui Microsoft avrebbe pagato 250 milioni di dollari, per aggiudicarsi l’azienda inglese nota per la popolare tastiera predittiva. La Bbc riporta che né Microsoft né SwiftKey confermano le indiscrezioni.

Microsoft avrebbe acquisito la britannica SwiftKey
Microsoft avrebbe acquisito la britannica SwiftKey

SwiftKey è un’app di tastiera predittiva scaricata su milioni di smartphone. L’artificial intelligence (AI) è in grande spolvero: Google ha acquisito DeepMind nel 2014, mentre Apple ha comprato VocalIQ e di recente Emotient.

Microsoft vuole espandere il proprio portafoglio software, con soluzioni per la produttività da usare su ogni dispositivo. Se l’accordo sarà confermato, andrebbe nella direzione della strategia Mobile delineata dal Ceo Satya Nadella.

Nell’ultima trimestrale, il rallentamento del business del software, mentre cala il mercato Pc, è compensato dalla strategia cloud e Mobile.

Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale è allo stadio iniziale, ma Google e Facebook si stanno sfidando a Go, un antico gioco cinese astratto e complesso. Microsoft lavora all’AI fin dal 2004, e sei anni fa ha presentato un gioco per Xbox. Di recente, l’intelligenza artificiale di Google è riuscita a battere 5 volte a 0 Fan Hui, il campione europeo del gioco da tavolo cinese. La partita, avvenuta nell’ottobre del 2015, è stata resa nota solo il 27 gennaio, pubblicata sulla rivista scientifica Nature, con i risultati della sfida. AlphaGo è un sistema che ha imparato le migliori mosse possibili grazie a un algoritmo di assimilazione, basato su due reti neurali che sfruttano il deep learning.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore