Microsoft acquisisce Nokia per 5,4 miliardi di euro

AcquisizioniAziendeMarketing
Microsoft acquisisce Nokia per 5.4 miliardi di euro
2 2 4 commenti

Microsoft compra la divisione dispositivi e servizi di Nokia, il secondo vendor di cellulari al mondo dopo Samsung. Operazione da 5,44 miliardi di euro. Il CEO Stephen Elop diventerà vice presidente esecutivo della divisione, e dunque candidato nel ruolo di futuro Ceo di Microsoft

Il piano di ristrutturazione di Microsoft da azienda del software ad azienda di Devices and Services è completa: Microsoft acquisisce la divisione dispositivi e servizi di Nokia, il secondo vendor di cellulari al mondo, per 5,44 miliardi di euro. Microsoft non venderà solo i tablet Surface, ma anche gli smartphone Nokia Lumia, equipaggiati con Windows Phone. Il CEO Stephen Elop diventerà vice presidente esecutivo della divisione Nokia di Microsoft. Nasce infatti il gruppo Nokia’s Devices “che aiuterà a guadagnare market share a Windows Phones, per tutti i vendor, da Microsoft agli altri partnerOEM” ha spiegato Terry Myerson (EVP, Operating Systems di Microsof) tin un post sul blog.

I 32.000 impiegati di Nokia si trasferiranno in Microsoft, in base all’accordo. Il business di device e servizi ha generato circa il 50% delle vendite nette di Nokia nel 2012, pari a 15 miliardi di euro stimati. L’accordo accelererà market share e profitti di Microsoft, secondo Steve Ballmer. Anche i senior executive (Jo Harlow, Juha Putkiranta, Timo Toikkanen e Chris Weber) si trasferiranno a Microsoft.

Elop  guiderà un’unità Devices che si espande. Julie Larson-Green, che a luglio era stata promossa al business Devices and Studios nel piano di riorganizzazione di Ballmer, riporterà a Elop, una volta chiusa l’intesa.

Terry Myerson, vice presidente esecutivo per i sistemi operativi di Microsoft, ritiene che l’acquisizione consolida Windows Phone e renderà l’OS mobile più attraente sia per gli sviluppatori di apps che per altri vendor hardware, in cerca di un terzo OS nella telefonia mobile, per differenziarsi da Android. A proposito di applicazioni, Microsoft sarebbe in trattative per acquisire Foursquare, un social network in cui gli utenti effettuano possono condividere informazioni, anche su locali e negozi. Microsoft vuole rafforzarsi in aree come social networking ed online advertising, dove finora ha dimostrato debolezza, e in cui Facebook e Google sembrano irraggiungibili.

Microsoft pagherà 5 miliardi per tutta l’unità di telefonia Nokia ed altri 2.2 miliardi per dare in licenza i suoi brevetti. Brevetti che fanno gola a tanti, essendo frutto di decenni di R&D nella telefonia mobile: anche Apple, dopo aver patteggiato per via della violazione di 44 brevetti, siglò anni fa un accordo brevetti con Nokia, da cui l’azienda finlandese, ora divisione di Microsoft, ricava un tot dollaro per ogni iPhone venduto. Grazie ai brevetti, anche Microsoft riceve centinaia di milioni di dollari all’anno dai vendor Android. Nokia, ex numero uno della telefonia, messo alle corde dal lancio di iPhone e Android, era diventato il più stretto collaboratore di Microsoft, da quando aveva abbandonato Symbian e firmato un accordo, nel febbraio 2011, per passare a Windows Phone.

In base ad un accordo strategico, Microsoft pagava un miliardo di dollari all’anno a Nokia per usare il sistema operativo Windows Phone sugli smartphone Lumia: con l’acquisizione, Microsoft taglierà questo costo, oltre a scongiurare l’ipotesi che l’ex colosso di Espoo potesse passare ad Android.

A pochi giorni dall‘annuncio del ritiro di Steve Ballmer fra 12 mesi, mentre il board di Microsoft e Bill Gates cercano un nuovo Ceo, l’azienda di Dispositivi, Servizi e Software scuote il mercato con la notizia dell’acquisizione di Nokia: Stephen Elop, nel ruolo di vice presidente esecutivo della divisione Nokia, diventa papabile come Ceo di Microsoft. Elop, ex presidente della divisione Business di Microsoft, si unì a Redmond nel 2008, era stato prima COO di Juniper Networks e manager di Adobe Systems.

Il caandese Elop ha tagliato 20mila posti di lavoro dal 2011, ma Nokia ha perso il 27% nelle unità vendute di telefonini nel secondo trimestre e bruciato 5 miliardi di dollari in nove trimestri.

Windows Phone, grazie al progresso dei Nokia Lumia, detiene il terzo posto del mercato OS per smartphone, dopo aver superato Blackberry. Ad agosto Windows 8 ha compiuto un balzo dal 5.4% al 7.4% secondo Net Applications.

Microsoft-Nokia sta per lanciare il Lumia 1020 con sensore fotocamera da 41 Megapixel, con tecnologia PureView: anche in Italia sarà a scaffale il prossimo 10 settembre.

Siilasmaa diventerà CEO ad interim di quel che resta di Nokia. Pochi mesi fa la finlandese Nokia aveva acquisito Nokia Siemens Network (NSN),  per 1,7 miliardi di dollari, azienda che è tornata al profitto l’anno scorso. Nel mercato delle apparecchiature per Tlc, Ericsson e la cinese Huawei si contendono la prima posizione, mentre NSN e Alcatel-Lucent si disputano il terzo posto.

Ballmer, criticato per aver perso il treno della rivoluzione Mobile e per il flop dei tablet Surface RT, chiude la sua era acquisendo i telefonini e gli smartphone di Nokia: ora è da vedere se combinando due debolezze, si otterrà un player forte nel Mobile. Però Microsoft oggi si reinventa, acquisendo Nokia, come ha sottolineato Ballmer: adesso è il momento di “realizzare il pieno potenziale dell’ecosistema Windows, portando l’esperienza alle persone a casa, sul lavoro e in mobilità”. Ma la lenta, ma progressiva ascesa di Lumia è un fatto che ha postato Windows Phone al terzo posto, superando il Blackberry. Ora il resto tocca a Microsoft.

 

Microsoft acquisisce Nokia per 5.4 miliardi di euro
Microsoft acquisisce Nokia per 5.4 miliardi di euro
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore