Microsoft AntiSpyware Beta1

Management

Al suo debutto, il nuovo strumento di utility per eliminare da Windows le presenze indesiderate

Microsoft AntiSpyware è uno strumento di rimozione degli spyware che la casa di Redmond, a seguito dell’acquisizione della tecnologia di Giant Company Software, titolare dell’omonima utility antispyware, ha recentemente rilasciato in versione Beta1, rendendolo disponibile gratuitamente sul proprio sito Web. Il tool, che può essere scaricato sul Pc previa una verifica sull’originalità della licenza Windows ottenuta, controlla il computer su cui è lanciato, andando alla ricerca di applicazioni software specifiche che sono riuscite a insediarsi nel sistema per mezzo di operazioni apparentemente innocue quali un clic su un banner pubblicitario, l’apertura di un messaggio di posta elettronica o il download di un file dal Web. Rispetto al “vecchio” Giant AntiSpyware, un applicativo dignitoso nel suo genere, si può affermare che Microsoft abbia aggiunto il marchio e migliorato la grafica: in realtà, ciò non rappresenta affatto un’onta per la casa di Redmond, semmai può apparire come un efficace punto di partenza per sviluppare versioni successive dell’applicazione che migliorino le proprie prestazioni operative. Microsoft AntiSpyware agisce attraverso il continuo monitoraggio del sistema su cui è installato, alla ricerca sia di agenti indesiderati già noti e identificati da un apposito archivio di protezione, che comprende oltre 50.000 unità, sia di eventuali presenze non ancora catalogate ma non per questo di sicura e affidabile provenienza. Il programma è rivolto a due diverse tipologie di utenza, semplice e avanzata, e accanto al tool di scansione, che a richiesta, in qualunque momento attiva l’analisi approfondita del disco, della memoria, dei processi, del registro e dei cookie, offre un sistema di protezione in tempo reale, in modo da neutralizzare sul nascere ogni tentativo di intrusione. La protezione in real time è garantita da tre tipologie di agenti: gli Application Agents, i System Agents e gli Internet Agents. Dei tre, i primi effettuano il monitoraggio di un numero di punti strategici di controllo, tra cui il browser Internet Explorer e il download delle applicazioni ActiveX dalla rete, in modo da poter intervenire subito nel caso in cui in qualcuno di questi sia possibile percepire una certa instabilità. Gli agenti System controllano lo stato del sistema e intervengono nel caso di eventuali anomalie riscontrate per esempio nelle impostazioni di accesso ai dati, mentre gli agenti Internet verificano che le applicazioni non effettuino connessioni non autorizzate a Internet né modifichino le impostazioni di connessione attive sul sistema.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore