Microsoft brevetta lo SMARTwatch

AziendeMarketing
Microsoft ha brevettato SMARTWatch
2 1 1 commento

Lo smartwatch di Microsoft potrebbe dotarsi di display touch, app per il fitness e l’e-health, oltre al cloud di OneDrive e all’assistente vocale Cortana

Anche Microsoft entrerà nel mercato della Wearable Technology, la tecnologia da indossare, con lo SMARTwatch. L’azienda di Redmond ha depositato il brevetto già nel 2012 per l’orologio intelligente, per sfidare Samsung, Sony, Lg e Motorola. Google, che ha da poco svelato Android Wear, un OS dedicato alla Wearable Tech, non ha dichiarato se entrerà direttamente nel mercato, ma senza dubbio con il suo sistema operativo, punta ad essere protagonista.

Microsoft ha depositato il brevetto per uno SMARTwatch presso lo United States Patent and Trademark Office (USPTO); in passato avevamo parlato di un ipotetico Surface Watch. L’orologio intelligente sarà equipaggiato con i servizi di Microsoft: dal cloud computing a Microsoft Cortana, l’assistente vocale e digitale, fiore all’occhiello della nuova versione Windows Phone 8.1. Domani l’azienda guidata dal nuovo Ceo Satya Nadella dovrebbe presentare il nuovo tablet Surface Mini, per rendere il tublet di Microsoft più competitivo nell’arena dei tablet da 7 e 8 pollici.

Lo smartwatch di Microsoft potrebbe dotarsi di display touch, app per il fitness e l’e-health (per controllare battito cardiaco e monitorare la salute), lettore musicale, Gps e software per la telefonia e la messaggistica. Dal brevetto emerge che il cinturino dello SMARTwatch potrebbe fissarsi via magneti, mentre una dock station servirà per riporre lo smartwatch, trasformandolo in una sveglia. L’orologio hi-tech si ricaricherà via USB o Wireless e potrà trasferire dati a un PC.

Settimana scorsa Microsoft ha acquisito GreenButton per spingere il computing di Azure, nell’analisi di business, farmaceutica, scienza ed ingegneria.

Microsoft ha brevettato SMARTWatch
Microsoft ha brevettato SMARTWatch

Passeremo da 8 miliardi di oggi di dispositivi interconnessi ai 30 miliardi nel 2020. Il filo conduttore? Sarà Internet delle Cose oltre a un’esplosione di sensori. Internet delle cose è la nuova frontiera: un mercato valutato fra 2.7 e 6.2 trilioni di dollari entro il 2025 (fonte: McKinsey Global Institute). Secondo GSMA industry association, le connessioni da smartphone, notebook e tablet salirà da 195 milioni a 250 milioni delle connessioni mobili, registrando un incremento del 2.8%. Il 40% degli operatori mobili offrono servizi machine-to-machine (M2M), un mercato in cresvita del 38% dal 2010, secondo GSMA.

Anche Apple vuole acquisire Beats Electronics per 3,2 miliardi di dollari, per entrare nel mercato della Wearable Tech con un brand forte. Vedremo se Microsoft e Apple incroceranno le spade anche in questo nuovo mercato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore