Microsoft chiede una proroga alla Commissione Ue

Aziende

La proroga servirebbe al colosso di Redmond per ottenere più tempo per rispondere, evitando il rischio delle multe quotidiane

Il contenzioso Antitrust che contrappone da anni Microsoft all’Unione europea era arrivato, alcune settimane fa, a un inasprimento della situazione: la Ue aveva minacciato Microsoft di applicare salatissime multe giornaliere (con sanzioni quotidiane fino a 2 milioni di euro) a causa del mancato rispetto della decisione Antitrust del marzo 2004. Microsoft però prende tempo e chiede alla Commissione Ue una proroga. La proroga servirebbe per ottenere ancora tempo per fornire risposte formali contro le ultime decisioni Ue. Il braccio di ferro continua.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore