Microsoft contesta 235 brevetti all’open source

CyberwarSicurezza

Linux kernel e OpenOffice.org sono nel mirino degli avvocati del big di
Redmond

Dopo lo storico accordo tra Microsoft e Novell, il gigante del software torna all’attacco dell’open source, accusato di violare 235 brevetti. Microsoft in particolare punta il dito contro Linux kernel (42 brevetti di Microsoft), contro l’interfaccia e altri elementi design (65 brevetti) e OpenOffice.org, la suite libera di produttività accusata di violare 45 brevetti, mentre più di 83 sarebbero a carico di altri programmi free e open source. Lo rivela in un’intervista il legale di Microsoft, Brad Smith, a Fortune. L’open source continua a rimanere indigesto in casa Microsoft. Forse perché IBM, Dell, Sun Microsystems, Hewlett-Packard, Motorola e Oracle supportano Linux direttamente. Inoltre la Free Software Foundation sta realizzando una nuova versione di licenza Gpl per bandire accordi come quello Microsoft-Novell.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore