Microsoft, crollano utili e fatturato

AziendeMercati e Finanza

La debolezza del mercato Pc trascina giù i conti di Microsoft: gli utili sono in picchiata a -29% e fatturato a -17%. Male anche Windows e Office. Altri tagli in vista?

L’anno nero del mercato Pc si riflette nei conti di Microsoft. Gli utili del quarto trimestre sono in discesa libera del 29% a quota 3.05 miliardi di dollari, pari a 34 centesimi per azione; il fatturato crolla del 17% a 13.1 miliardi di dollari.

L’anno fiscale 2009 registra ricavi per 58.44 miliardi di dollari, in declino del 3% rispetto al 2008. I profitti calano del 18% a 14.57 miliardi di dollari. Gli utili per azione sono scesi del 13% a 1.62 dollari.

La divisione client ha fatto un volo in picchiata del 33% nel trimestre e 17% nell’anno (utili) e del 29% (fatturato). Windows (Vista) soffre la debolezza del mercato Pc (e viceversa): i ricavi dai vendor di Pc sono scesi del 31% e le licenze dalle industrie sono scese del 10%. Segno che tutti aspettano Windows 7 (e le formule di upgrade lanciate di recente), per acquistare un nuovo Pc. Inoltre, la popolarità dei netbook con Windows Xp (a costi inferiori a Vista) ha depresso le entrate. Il fatturato dei software per server (Windows Server e Sql server) è calato del 6%.

La divisione Microsoft Business (Office) ha registrato un calo del 10% nel business e del 30% nel consumer.

Anche la divisione intrattenimento ha visto un calo: Zune del 42%; il gaming del 12% (Microsoft ha venduto 1.2 milioni di Xbox 360, meno di un anno fa).

L’Online Service Business (legato all’advertising online) registra una caduta del 14%.

Microsoft vede il r ecupero del mercato Pc solo nel 2010 e non fa previsioni per il trimestre in corso. Il titolo di Microsoft è caduto del 7%.

Microsoft sta tagliando 5mila posti di lavoro (entro giuugno 2010), ma Betanewsinsinua iol dubbio che il colosso di Redmond possa riservarsi un nuovo round di licenziamenti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore