Microsoft Daisy agevola la lettura a ipovedenti

Management

Microsoft rilascia un nuovo software che renderà più semplice la creazione di documenti e contenuti accessibili a persone non vedenti e ipovedenti

Microsoft ha annunciato il rilascio di un nuovo software che renderà più semplice la creazione di documenti e contenuti accessibili a persone non

vedenti e ipovedenti. Il n uovo add-in “Salva come DAISY XML”, progettato per Microsoft Office Word 2007, Word 2003 e Word X P, consentirà agli utenti

di salvare i file di testo basati su Open XML in DAISY XML, l’elemento fondamentale degli standard DAISY globalmente riconosciuti per la lettura e

la pubblicazione di contenuti multimediali navigabili.

L’add-in “Salva come DAISY XML” è stato creato all’interno di un progetto open source congiunto con Microsoft, Sonata Software Ltd. e Digital Accessible Information System (DAISY) Consortium e può essere scaricato gratuitamente dagli utenti di Microsoft Office Word all’indirizzo

http://www.openxmlcommunity.org/daisy . Inoltre, è stata rilasciata anche l’ultima versione di DAISY Pipeline, una transformation suite gratuita e scaricabile che supporta la conversione di DAISY XML nel formato DAISY Digital Talking Book (DTB). L’azione integrata

di tali tecnologie garantisce una soluzione completa per la conversione di documenti di testo in formati accessibili a persone non vedenti o

ipovedenti. Gli utenti possono scaricare DAISY Pipeline dal sito http://www.daisy.org/projects/pipeline/ . Le informazioni riguardanti altre

tecnologie in grado di convertire DAISY XML in formato DAISY DTB e i prodotti che supportano lo standard DAISY sono disponibili al sito

http://www.daisy.org/tools/index.shtml . “La tecnologia Daisy è nata appunto con lo scopo di strutturare le informazioni permettendo al consumatore di navigare velocemente attraverso le informazioni per intestatura o numero di pagina, utilizzando indici e referenze, il tutto con audio e testo correttamente ordinato e sincronizzato. Il problema è che, secondo le stime del DAISY Consortium, attualmente solo circa il 5% di tutte le informazioni è disponibile attraverso tecnologie di assistenza come il Braille o gli audiolibri. Solo in Italia”, continua Tommaso Daniele, “saranno centinaia di migliaia i disabili visivi che potranno finalmente creare, in modo semplice e completamente libero, documenti accessibili dentro Microsoft Office Word, il programma i cui documenti contengono gran parte delle informazioni attualmente esistenti al mondo e il cui utilizzo è ritenuto universalmente familiare da tutti”.

La natura open source del progetto di conversione da Open XML a DAISY XML permette ai tecnici di utilizzare il codice sorgente e altre risorse per le

proprie applicazioni. L’adozione di Open XML continua a espandersi all’interno del settore del software su varie piattaforme, compresi Linux,

Windows, Mac OS e Palm OS; i solution provider interessati a crearsi i propri traduttori da Open XML a DAISY XML possono far riferimento alle

informazioni disponibili sul sito del progetto open source SourceForge all’indirizzo http://sourceforge.net/projects/openxml-daisy .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore