Microsoft e eBay, insieme contro la pirateria

Aziende

Microsoft aderisce al programma VeRo, attivato da eBay, per fermare la
vendita di software illegale attraverso il sito.

Una alleanza strategica per contrastare la vendita di programmi illegali attraverso il sito eBay. Microsoft ha deciso di aderire al programma VeRo, una iniziativa avviata da eBay che consente di controllare i diritti di proprietà e fornisce ai titolari di copyright l’opportunità di segnalare l’eventuale presenza di inserzioni che violano i diritti e quindi richiederne l’eliminazione. Questa collaborazione, valida in diversi paesi europei, tra cui l’Italia, e negli Stati Uniti, nasce dall’esigenza di contrastare un fenomeno in costante aumento e che secondo gli analisti di Idc frena fortemente l’occupazione nel mondo informatico. Idc, in un suo recente rapporto, ha evidenziato come la riduzione del 10% della pirateria entro il 2006 porterebbe non solo a maggiori introiti per un valore di oltre 20 miliardi di euro, ma anche alla creazione di 200mila nuovi posti di lavoro. Con il programma VeRo, eBay ha voluto dare un segnale forte contro l’illegalità, fornendo ai sottoscrittori delle armi in più per contrastare la pirateria. Una iniziativa che ha già ricevuto il plauso di Bsa (Business software alliance). Il vice presidente per l’area Emea ha dichiarato in proposito: “Questo tipo di cooperazione è fondamentale per creare un commercio digitale sicuro e legale, in cui i consumatori siano protetti. Condividiamo pienamente l’intento di eBay di difendere i propri utenti da offerte apparentemente vantaggiose, ma che in realtà inducono con l’inganno i consumatori ad acquistare software illegale. I pirati su Internet, spesso considerati innocui, sono una minaccia reale allo sviluppo dell’e-commerce e dell’intera economia europea”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore