Microsoft e Intel svelano Origami

Workspace

Dopo Intel, anche il colosso di Redmond toglie i veli a uno dei protagonisti del CeBIT

Origami è un portatile delle dimensioni di un libro tascabile. Lo ha affermato Microsoft, che ha definito l’Origami Project un connubbio tra un cellulare e un notebook. P esa meno di un kg (972 grammi), ha uno schermo touch screen di 17,78 centimetri, impiega chip Intel e una versione modificata di Windows XP Tablet pc di Microsoft. i primi UltraMobile Pc saranno prodotti da Samsung Electronics, Asustek Computer di Taiwan e la cinese Founder Group. Ieri, l’Ultra Mobile Pc di Intel, presentato a Idf, in parte aveva bruciato la presentazione di Origami, prevista oggi al CeBIT. L’entertainment in mobilità di Microsoft, con i chip di Intel, non ha ancora un volto, ma l’ossatura è stata messa in luce. Innanzitutto, non si presenta come un anti iPod, ma ha caratteristiche tecniche per sfidare la prossima PlayStation di Sony nella forma di un dispositivo d’intrattenimento in mobilità. Ma vediamo i dettagli tecnici svelati per ora da Intel: Origami rientra nella categoria di computer palmari ufficialmente nota come Ultra Mobile PC (UMPC); avrà uno schermo touch screen da 7 pollici (quindi non 8, come rivelato dal New York Times settimana scorsa); sarà equipaggiato con un chip x86 (forse una versione embedded del Pentium M o Ultra low voltage); avrà come sistema operativo Windows XP; supporterà il wireless Wi-Fi e probabilmente anche Bluetooth, e sarà dotato di Gps. Secondo Intel, agli utenti consumer Origami permetterà di portarsi a spasso video, musica, navigatore satellitare, giochi e Internet, mentre per gli utenti professionali rappresenterà un ufficio tascabile con possibilità di localizzazione satellitare, collegamento alla rete aziendale, email e VoIP. Il prototipo di Ultra Mobile Pc è qui visibile: www.intel.com/design/mobile/platform/umpc.htm. Aspettando la presentazione ufficiale di Microsoft, oggi, al CeBIT.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore