Microsoft e Ue, pace Antitrust sui browser

Autorità e normativeNormativa

L’antitrust Ue chiude definitivamente il braccio di ferro con Microsoft. La Ue ha dato il via libera all’offerta di Microsoft di permettere agli utenti in Europa di Windows di scegliere browser rivali

Il browser su Windows è libero e a propria scelta. Succede in Europa, grazie alla pace fatta tra Microsoft e Antriust Ue. Microsoft mette così fine all’ultimo braccio di ferro Antitrust che la divideva da Bruxelles.

L’antitrust Ue chiude definitivamente la controversia con Microsoft. La Ue ha dato il via libera all’offerta di Microsoft (il ballot screen ) di permettere agli utenti in Europa di Windows di scegliere browser rivali. Si tratta di un impegno quinquennale.

Non solo Internet Explorer, ma anche Mozilla Firefox, Opera (che ha combattuto la battaglia portando la questione sul tavolo dell’Antitrust Ue ), Google Chrome o Apple Safari eccetera. “Milioni di consumatori europei beneficeranno di questa decisione potendo scegliere liberamente quale browser usare“, ha commentato la commissaria alla Concorrenza Neelie Kroes.

Microsoft ha ricevuto multe Antitrust dall’Unione europea per un totale di 1,68 miliardi di euro, a partire dalla prima sanzione Antitrust Ue nel 2004, comminata dall’allora commissario Mario Monti.

Ma con il disco verde della Ue, Microsoft esce dalla scena Antitrust Ue. D’ora in poi, chiuse le dispute miliardarie Antitrust con Microsoft e Intel, sarà più facile vedere nuove aziende sotto la lente Antitrust Ue, forse a partire dall’arci-rivale di Microsoft: Google?

Dì la tua nel Blog Vista dall’Alto: Ballot screen, quanto tempo perso

Leggi The Inquirer: Dopo Viviane arriva Neelie. E non sono uragani tropicali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore