Microsoft fa causa a Google

Aziende

La guerra fra motori di ricerca si trasferisce in tribunale. A causa di un ex dipendente

Il colosso di Redmond porterà il motore di ricerca in tribunale per un accordo di non competizione siglato da un ex dipendente: Microsoft vuole difende a ogni costo la proprietà intellettuale.Kai-Fu Lee lavorava come corporate vice president della divisione Natural Interactive Services di Microsoft. È Kai-Fu Lee al centro della causa, che Microsoft ha deciso di intentare contro Google, per un accordo confidenziale e di non competizione siglato dallo stesso Kai-Fu Lee: ora ha accettato una posizionata sulle stesse tecnologie di ricerca e strategie business per un rivale diretto di Msn, violando, secondo Microsoft, gli obblighi contrattuali precedentemente siglati. Lee è un esperto di linguaggio naturale e intelligenza artificiale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore