Microsoft fa il punto con i partner a Los Angeles

AziendeCloudSistemi OperativiWorkspace

Alla Worldwide Partner Conference (WPC) Steve Ballmer ha ringraziato i 12 mila partner di Microsoft per aver reso Windows 7 il sistema operativo venduto più rapidamente. Con 400 milioni di copie vendute, Microsoft invita gli utenti di Xp a passare a Seven promettendo che l’hardware di Windows 7 andrà bene anche per Windows 8. Microsoft ha offerto un assaggio del prossimo Windows. E ha parlato a 360 gradi di Xbox, Kinect, Bing e Skype. Infine Acer, Fujitsu, ZTE e Samsung stanno realizzando smartphone Windows Phone 7.5 (Mango), oltre ai Nokia Phone 7.  Nel nome dell’integrazione nell’ecosistema Microsoft.

Iniziamo dal vecchio a cui Microsoft vuole ad ogni costo chiudere le porte. È iniziato il conto alla rovescia per Windows XP: agli utenti sono rimasti esattamente 999 giorni prima che Microsoft nel 2014 mandi per sempre in soffitta il decennale sistema operativo. Alla Worldwide Partner Conference (WPc) di Los Angeles, Microsoft invita a passare a Windows 7, il sistema operativo venduto più rapidamente, con 400 milioni di copie consegnate. Anche perché ha promesso che Windows 8 sembra dietro l’angolo con un futuro che prefigura un ambiente Windows eterogeneo di dispositivi e applicazioni in versione 7 e 8. L’hardware per Seven andrà bene anche per Windows 8. Punto di forza del nuovo OS di Microsoft sarà Hyper-V, rifocalizzato come facilitatore di cloud computing quando usato per virtualizzare i sistemi operativi server e le applicazioni nei data center. Microsoft ha tolto i veli anche a Hyper-V Replica in grado di replicare virtual machines o immediatamente o programmate (dai database mission-critical ai dati offsite). Hyper-V supporterà più di 16 processori virtuali per macchina. Microsoft ha definito Windows 8 Server “il prossimo passo nel cloud computing privato“: un software unificherà la gestione di apps che girano su Windows servers virtualizzati e sul cloud di Windows Azure di Microsoft. Annunciato anche Systems Center 2012. Inoltre Microsoft offrirà una terza test build per la preossima versione di SQL Server, nome in codice Denali.

Capitolo Windows Phone 7 e il prossimo 7.5 Mango. I partner di Microsoft tra i costruttori sono Acer, Fujitsu, ZTE e Samsung. Nonostante il gran parlare della partnership con Nokia nessuno smartphone è stato mostrato, anche se Nokia Sea Ray è già apparso in Rete, e si dice (fonte: Marketing Magazine) che Nokia metterà sul piatto 127 milioni di dollari di budget per il marketing per dare una mano ai prossimi Nokia Phone 7 (equipaggiati con Windows Phones 7.5, noto con il nome in codice di Mango). Secondo i dati di Comscore, le quote di mercato di Microsoft sono scese al minimo di 5,8 per cento. Nel suo discorso inaugurale del WPC Steve Ballmer, CEO di Microsoft, ha dovuto riconoscere come “molto ridotta” la presenza di Windows Phone sul mercato. Tuttavia Microsoft non si perde d’animo ed è intenzionata a combattere una guerra dei prezzi se è vero che Andy Lees, presidente della Windows Phone Division, ha dichiarato che le future tecnologie dimezzeranno i prezzi dei cellulari Windows Phone nella fascia tra 100 e 150 dollari. Microsoft, Nokia e gli altri partner vogliono usare tutto il loro peso per rimetterse in gioco Windows Phone nella partita a scacchi fra Android e iOS.

Capitolo Skype, l’acquisizione più grande di Microsoft nel mercato Internet: qui la parola d’ordine è integrazione. Con l’accordo con Facebook, il social network con 750 milioni di utenti, Microsoft ha dato un assaggio di che cosa Skype possa fare per gettare un’ancora fra consumer ed enterprise, semplificando la connessione tra il lato enterprise e il lato consumer. Il lavoro di Microsoft oggi consiste nell’integrazione dell’offerta. L’integrazione dallo sviluppo di Bing con l’integrazione con la piattaforma xBox, dalle alleanze in ambito social con Facebook, dell’acquisizione conclusasi con successo di Skype con risvolti molto interessanti in ambito enterprise, in abbinata con Lync.

Samsung con Windows Phone Mango
Samsung con Windows Phone Mango

Sempre sul fronte consumer, la nuova era di xBox “dara’ nuova voce alla tv” e semplificherà il controller, “divenendo nello stesso tempo una console per gestire video, giochi, controller e TV, dando l’addio all’era di telecomandi a bottoni. Anche il business dei giochi e degli accessori beneficera’ il canale“. Sulle voci di una nuova Xbox all’E3 2012, bocche cucite, ma secondo alcune indiscrtezioni, non confermate, si dice che i giochi Xbox 360 potrebbero essere compatibili con Windows 8 e che, per giocare con i videogame di Xbox 360 su PC si dovrà pagare un abbonamento, come in Xbox Live. Per ora la novità confermata è che Xbox controllerà la Tv e tutto avverrà a voce senza bottoni. E non è poco.“Lo scorso anno abbiamo lanciato Kinect, ed è stato uno dei prodotti di punta del mercato consumer dello scorso anno. Nei mesi scorsi, poi, abbiamo deciso di rilasciarne l’Sdk agli sviluppatori, che possono ora integrarlo nelle applicazioni per il business. Ma molto deve ancora venire”.

Anche il motore di ricerca Bing si integra nella console di gioco Xbox, per diventare il motore con cui ricercare film, giochi, contenuti di intrattenimento, tutto tramite controllo vocale: “Il potere della voce e l’intelligenza di Bing. You say it, Xbox finds it, Tu lo dici, Xbox lo trova”, ha concluso Ballmer.

Infine torniamo alla fascia enterprise. Capitolo cloud computing. Steve Ballmer nel keynote ha ammesso che si è iniziato a parlare di cloud quattro anni fa, e sola ora è il momento di transizione, ma che “a ogni dollaro di investimento fatto da Microsoft ne corrispondono 8,7 per i partner, generati soprattutto dai servizi”. Ai 12.000 partner provenienti da 120 paesi e ai 4.000 manager di Microsoft che per quattro giorni dibattono non solo di prodotti, Microsoft ha mostrato Windows Intune (in Beta), ma soprattutto di strategie in ambito Windows e cloud. “I nostri partner hanno saputo gestire la nostra evoluzione: trent’anni fa dal mainframe al pc, al client server, fino all’era di internet, alla mobilty e al cloud. Per questo stiamo costruendo una solida strategia che ha visto vari passaggi e  sta vivendo una forte transizione, ora verso la cloud. Gia’ il 58% dei partner stanni lavorando nella cloud e 41.000 sono quelli che gia’  si definiscono cloud partner” ha spiegato Ballmer. Nel cloud dal 2012 Microsoft rilascerà il servizio cloud ERP ribattezzato Dynamics Navision.
Steve Ballmer a WPC a 360 gradi
Steve Ballmer a WPC parla a 360 gradi
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore