Microsoft lancia iniziative di cross-licensing

Aziende

Nei prossimi anni un programma di accordi di licenze incrociate consentirà a Microsoft di condividere la proprietà intellettuale con decine di aziende

Una nuova sfida è all’orizzonte di Microsoft: condividere la proprietà intellettuale con numerose aziende, impiegando accordi di licenze incrociate (in gergo iniziative di cross-licensing). A parlarne è David Kaefer, direttore del business development, intellectual property e licensing di Microsoft: “Molte persone hanno un’immagine di Microsoft come azienda chiusa, incapace di condividere le proprie creazioni al di fuori dell’azienda. Ma ciò non funziona nel 2005”. Microsoft sta infatti per lanciare accordi di licenza incrociata proprio per scambiare idee con altre aziende, utilizzando come moneta di scambio la proprietà intellettuale. David Kaefer ha inoltre aggiunto che ha in progetto di estendere questa campagna di cross-licensing, della condivisione della proprietà intellettuale di Microsoft, con 30 o 40 grandi aziende nei prossimi cinque anni.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore