Microsoft, le sorprese dietro l’angolo

Aziende

Lotta allo spam, aumento dello storage, riconoscimento della voce umana
e creazione di un potente motore di ricerca.

Lotta dura allo spamming. Microsoft Research, branca dell’azienda di Bill Gates che si interessa di questo settore, sta attivamente lavorando alla creazione di algoritmi in grado di eliminare, per quanto possibile, le mail di spam dalla posta elettronica. L’impresa, alla quale lavorano in molti, non è certo facile. Si va dal riconoscimento di parole chiave, alla marcatura di mail già riconosciute dal ricevente come spam. E che, quando ricompaiono, sono bloccate dal sistema. In realtà la formula magica per difendersi dall’invadenza delle mail indesiderate è ancora di là da venire. Forse non verrà mai. A ogni mossa di difesa, gli spammisti rispondono con una contromossa. Altro settore nel quale Microsoft sta lavorando è quello sul riconoscimento del linguaggio. Colloquiare con robot, in questo caso il computer, come si fa con il collega d’ufficio, è un sogno che viene da lontano. Purtroppo i risultati finora ottenuti non sono entusiasmanti. Le variabili da considerare sono tali e tante da mettere in difficoltà anche il più potente e moderno computer. Il progetto di Microsoft si chiama Midenet e si basa sui rapporti di somiglianza e significato delle parole. La strada è ancora lunga. Più breve, quella del progetto denominato Boxwood. Il suo scopo, abbassare i costi per la costruzione di sistemi di storage ad alta capacità e rendimento. Infine, tra le cose con le quali Microsoft ci aspetta dietro l’angolo, non si deve dimenticare la guerra in corso tra Microsoft e Google. In Microsoft hanno seguito per un anno e giorno per giorno un miliardo di pagine Web. Ciò è servito a creare le basi per un motore di ricerca molto veloce, sperano, ovviamente, più di Google.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore