Microsoft Mobile e i Lumia, un portafoglio infinito

AccessoriMarketingMobilityWorkspace
Microsoft presenta Lumia 530, sotto i cento euro
0 0 Non ci sono commenti

Nokia 530 è già sul mercato e poi a IFA 2014 annunciati ancora Nokia Lumia 830, Lumia 730 e 735. E in arrivo l’aggiornamento Denim. Può funzionare la strategia Windows Phone?

Estate calda per Microsoft Mobile e per il brand Nokia: prima con l’arrivo sul mercato in Italia di Nokia Lumia 530 e poi con gli annunci a IFA 2014.

Nokia Lumia 530 – disponibile dal mese scorsoha rappresentato nel cuore agostano solo un antipasto tra le proposte Microsoft Mobile con Windows Phone.

A un prezzo di appena 99 euro, Lumia 530 rappresenta  l’aggiornamento del modello precedente, Lumia 520, e lo analizziamo  in dettaglio in un articolo dedicato, ma il piatto forte degli annunci estivi sono stati certamente Lumia 830, Lumia 730 e Lumia 735. Al di là delle novità intrinseche dei modelli presentati a IFA 2014, spicca la potenza di fuoco e l’affermarsi deciso del brand Microsoft sui nuovi device che comunque portano sempre ben in vista, una volta in commercio, il brand Nokia, sia sulla confezione, sia sul telefono. Nokia ha fatto la fortuna anche dei Lumia, soprattutto nel nostro Paese, vero campione di vendita e non solo nell’area europea.

Microsoft presenta Lumia 530, sotto i cento euro
Microsoft presenta Lumia 530, sotto i cento euro

E’ gioco forza che non sia possibile rinunciarvi, a Nokia intendiamo. L’utente identifica ancora fortemente la qualità dei telefonini svedesi, mentre l’idea di uno smartphone Windows Phone, e quindi con il nome di Microsoft, passa meglio nel mercato, non per convinzioni radicate nell’utenza, quanto per il passaparola positivo.

Non possiamo che ribadire che di fronte alla qualità complessiva sia hardware, sia software, la battaglia si gioca sul superamento a livello worldwide della soglia di una doppia cifra significativa, nelle quote di mercato, e questo manca soprattutto in Usa. La conquista, difficile, di quel Paese potrebbe innescare un volano positivo. A questo risultato si arriva solo se l’ecosistema software risponde: Microsoft può metterci del suo, con i suoi developer, ma deve necessariamente conquistare la fiducia di ogni vendor e brand in ambito mobile. Deve convincerli che è tempo, e che costa poca, sviluppare su tre piattaforme anziché su due.

Ecco allora che gli annunci di nuovo smartphone servono anche a creare ‘un’onda Lumia’ nei negozi, e nei punti degli operatori. Nel primo caso con un sforzo non indifferente, perchè l’investimento della sola Samsung (per citarne una) è impressionante, nel secondo caso lo sforzo ci sembra meglio riuscito, con una presenza anche in vetrina molto buona.

Fatto sta che, con un’unica proposta software, la declinazione Lumia per tutte le tasche è davvero completa e la sequenza degli annunci non aspetta altro che l’accelerazione software auspicata. Anche Microsoft poteva fare di più, per esempio proprio riguardo Cortana. Qui da noi, prima. Microsoft Mobile nella proposta dei prodotti è attenta non tanto a proporre una classifica dal top di gamma al modello base – che pure si può intravedere – quanto ad avere uno smartphone in ogni fascia di prezzo e per ogni target, a volte con caratteristiche tecniche ad hoc. Per esempio si pensi al caso Nokia Lumia 1020, alla fascia dei Lumia ‘8×0’, e ora alla proposta dual-sim, si potrebbe pensare – perché no – anche a uno chassis almeno semirugged, impermeabile. Quello che si vuole, ma il punto restano le app.

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore